MotoGP, Romano Albesiano: “Aprilia senza alibi con Iannone e Smith”

Romano Albesiano soddisfatto dell'arrivo di Andrea Iannone e Bradley Smith. "Sono fondamentali per lo sviluppo dell'Aprilia"

4 dicembre 2018 - 14:50

I primi test di Valencia e Jerez hanno fatto chiarezza sulla strada da seguire nel box Aprilia per il 2019. L’arrivo di Andrea Iannone e Bradley Smith è un decisivo passo avanti nello sviluppo della RS-GP del prossimo anno, dato che con i loro feedback potranno contribuire a migliorare una moto che ha ancora un alto potenziale di crescita. Dopo una buona stagione 2017, quando la casa di Noale orbitava costantemente nella top-10 e in diverse occasioni era vicina alla top-5,  qualche errore nella pausa invernale, soprattutto a livello di bilanciamento, ha costretto a fare un passo indietro.

Commenta

per primo!

A stagione in corso i tecnici Aprilia hanno apportato delle migliorie in termini di motore ed elettronica, anche se i risultati sono stati leggermente inferiori alle aspettative. “Penso che ora abbiamo una buona idea di come dovrà essere la base per la prossima stagione“, ha detto Romano Albesiano, Aprilia Racing Manager. E sarà l’arrivo di Iannone a contribuire all’ulteriore step della moto: “È positivo che sia tornato al suo splendore verso la fine della stagione e abbia ottenuto risultati fantastici. Quindi non abbiamo alibi da avanzare se non funziona – ha ammesso a Speedweek.com -. Per noi è molto importante ottenere le prime impressioni di tutti e tre i piloti. Sono molto curioso di vedere cosa succede l’anno prossimo. Una cosa è certa, abbiamo il potenziale e tutti gli ingredienti necessari per vivere un anno forte“.

Andrea Iannone è cresciuto in Aprilia e, dopo un triennio in Moto2, ha accumulato una lunga esperienza su Ducati e Suzuki. Bradley Smith, invece, h cominciato l’avventura nel Motomondiale con Honda, ha proseguito con Aprilia, poi con Yamaha e infine in KTM nelle ultime due stagioni. Entrambi potranno portare una lunga ed eclettica esperienza alla RS-GP 2019: “Andrea e Bradley sono fattori molto importanti, non solo per il loro talento, ma anche per l’esperienza che portano – ha sottolineato Albesiano -. Per un’azienda delle nostre dimensioni è molto importante poter disporre di più opinioni sulla moto. Perché penso che abbiamo un progetto molto speciale con un equilibrio completamente diverso rispetto alla concorrenza. Quindi è positivo che i piloti possano confrontarla con moto più convenzionali. Secondo me, questo è un passo molto importante nello sviluppo“.

Scommetti con Johnnybet

Ricambi moto 4moto.it

Biglietteria per tutti gli eventi motoristici, F1 inclusa

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Moto3: Ecco il team BOÉ Skull Rider Mugen Race

CEV Moto2: Matteo Ferrari correrà con Team LaGlisse

MotoGP, Zarco-Espargarò affilano le armi: “Ci spingeremo a vicenda”