MotoGP, Puig: “Honda non sempre all’altezza di Marquez”

Marc Marquez riesce a colmare il gap tecnico con il suo talento. Alberto Puig: "Se vince non significa che Honda è la moto migliore".

5 gennaio 2019 - 13:04

Marc Marquez è lo schiacciasassi della MotoGP. Dal suo esordio ad oggi ha sempre vinto il titolo mondiale ad eccezione del 2015, quando a interrompere il suo dominio fu Jorge Lorenzo. Sarà il connazionale ad offrirgli ulteriori stimoli nella prossima stagionale, o a dargli filo da torcere, fatto sta che a beneficiare del binomio da sogno sarà soprattutto il team Repsol Honda con lo sviluppo della RC213V che potrà ereditare qualcosa anche della Ducati.

Si prevede un lungo braccio di ferro, con gli ingegneri e i vertici HRC che seguiranno l’andamento dell’ago della bilancia le cui oscillazioni saranno dettate dai risultati in pista. A ricordare le regole del gioco sarà Alberto Puig, artefice dell’addio di Dani Pedrosa e della costituzione del dream team. Sia Marc che Jorge sono chiamati a colmare le lacune tecniche della Honda con il loro talento, perché al momento non si può dire che la moto nipponica sia la più competitiva. Nel 2018 Ducati è riuscita a portare entrambi i piloti sul gradino più alto del podio, impresa non riuscita nel team Repsol. “Solo perché un pilota vince le gare non significa che la sua moto sia buona“, ha ammesso il team manager in un’intervista a Motorsport-Total.com. “A volte [il pilota] deve trovare il pezzo che manca alla moto e Marc riesce a farlo alla grande. Ci sono stati momenti in cui, onestamente, la Honda non era all’altezza di un campione come lui merita. Ma è sopravvissuto a quei momenti senza lamentarsi“.

Il Cabroncito è sempre riuscito ad adeguarsi, e a vincere, senza mai lamentarsi in pubblico. Allo stesso modo non ha posto nessun veto quando Honda gli ha annunciato di voler ingaggiare Lorenzo: “E’ un ragazzo normale, che sia nella sua città natale o nel paddock dove è una superstar. Si concentra solo sul suo lavoro, è in continua crescita e si può adattare benissimo a qualsiasi situazione“. Talento puro e nervi saldi, anche quando certe situazioni avrebbero potuto portarlo a perdere la calma: “Quando c’è un momento critico, non si trasforma mai“.

Scommetti con Johnnybet

Ricambi moto 4moto.it

Biglietteria per tutti gli eventi motoristici, F1 inclusa

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

MX2 Alfredo Bevilacqua: “vogliamo essere tra i protagonisti”

Valentino Rossi: “Ezpeleta spinge per un team in MotoGP”

Esclusiva, Enea Bastianini: “Fra qualche gara saremo competitivi”