MotoGP Phillip Island: L’Aprilia RS-GP torna alle soluzioni 2017

L'evoluzione della RS-GP va al contrario. "Nelle corse succede dover fare passi indietro per andare avanti"

26 ottobre 2018 - 10:13

“Porteremo in Australia tante novità” avevano anticipato gli uomini Aprilia alla vigilia del GP d’Australia. Ma il venerdi Aleix Espargaro ha girato con alcune soluzioni 2017 con l’obiettivo di riacquisire la fiducia che l’anno scorso c’era e adesso, evidentemente, si è dissolta. “Nelle corse succede spesso di dover fare qualche passo indietro, e stiamo parlando solo di soluzioni di ciclistica” ha commentato Romano Albesiano. Aleix Espargaró ha impiegato i due turni nella comparazione delle due moto a sua disposizione, chiudendo il venerdi in sedicesima posizione, in ritardo di 1″606 dalla Suzuki di Andrea Iannone. Qui cronaca e tempi delle prove

E’ stata una giornata complicata” ammette Aleix Espargaro.La temperatura bassa e lo scarso grip hanno reso difficile il nostro lavoro, abbiamo due moto diverse da confrontare e queste condizioni non sono l’ideale. Sul finale delle FP2 ho iniziato a trovare il ritmo ma sono ancora lontano dal feeling che mi aspetto su questo circuito. Domani continueremo nelle prove comparative, vogliamo migliorare e faremo tutto quello che serve per riuscirci”.

Non pervenuto Scott Redding, che a fine stagione lascerà Aprilia e MotoGP: ha chiuso 23°. “Per me era davvero molto difficile guidare. Ho avuto problemi di chattering fin dall’inizio, decisamente più evidenti di quanto accaduto nella prima giornata in Giappone. Proprio a causa delle vibrazioni sono scivolato durante la seconda sessione. Sabato lavoreremo su questo e su altre opzioni di pneumatico”.

Scommetti con Johnnybet

Ricambi moto 4moto.it

Biglietteria per tutti gli eventi motoristici, F1 inclusa

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

ARRC ASB1000 Bend Qualifiche: Broc Parkes in pole

Rea, Haslam, Razgatlioglu con Kawasaki alla 8 ore di Suzuka 2019

MotoGP, Alex Rins rincorre il suo terzo sogno