MotoGP, Jorge Lorenzo: “Viaggio in Giappone intenso e produttivo”

Jorge Lorenzo in Catalunya va alla ricerca di nuove soluzioni ergonomiche per la sua Honda RC-V, dopo il viaggio in Giappone. Marc Márquez tenta l'allungo.

11 giugno 2019 - 14:10

Marc Márquez e Jorge Lorenzo si preparano alla gara di casa in Catalunya come il doppio volto della stessa medaglia. Il Campione in carica continua spedito la sua corsa verso l’ottavo titolo iridato, dimostrando di essere l’unico pilota HRC a riuscire a domare il prototipo 2019. Il maiorchino, invece, cerca un miglior feeling con la Honda RC-V a breve distanza dal viaggio in Giappone e il test di lunedì rappresenta una grande occasione per fare un ulteriore step.

MÁRQUEZ, PROVE DI ALLUNGO

Al Mugello Marc Márquez ha messo a segno un secondo posto dal profumo di vittoria. Ha allungato di 4 punti le distanze dal diretto inseguitore Dovizioso, su un tracciato tradizionalmente poco favorevole alla Honda. Il Montmeló è una pista dove il campione in carica solo nel 2015 non ha centrato il podio dal suo esordio in MotoGP. Un dato che lascia ben sperare per far lievitare il suo vantaggio in classifica: “Arriviamo in buona forma dopo il Mugello, adesso io e la moto – ha sottolineato il fenomeno di Cervera – siamo in un’ottima posizione. Sono riuscito a riposare un po’ e sono tornato a pieno regime, c’è sempre un po’ più di adrenalina in un GP di casa ed è sempre un grande piacere correre davanti a tutti i tifosi. Spero che un altro risultato importante qui in Catalogna premi il lavoro che stiamo facendo“.

LORENZO CERCA UNA NUOVA ERGONOMIA

Jorge Lorenzo, detentore del giro più veloce in Catalunya, spera di trovare nuove soluzioni ergonomiche dopo l’incontro con i tecnici HRC in Giappone della settimana scorsa. Nulla è trapelato dal summit, il pilota ha descritto il viaggio come “intenso e produttivo” e forse qualcosa vedremo già dalle prove libere del venerdì o nel test post gara di lunedì. Intanto prosegue la preparazione atletica in compagnia del sempre più inseparabile compagno Tony Arbolino (LEGGI L’INTERVISTA). “Dopo un fine settimana di alti e bassi al Mugello, spero di poter fare un buon lavoro a Barcellona. Continueremo a impegnarci al massimo per colmare il divario in avanti e faremo un test dopo la gara. Ho fatto un viaggio molto interessante in Giappone e siamo stati in grado di lavorare su molte cose, alcune delle quali – ha concluso Jorge Lorenzo – saranno utili per questa gara e altre per il futuro“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Suzuki-Rins: il successo nasce dalla crisi del 2017

Puig avvisa Lorenzo e Crutchlow: “Con Honda zitto e corri”

MotoGP, Assen: La programmazione TV, diretta Sky Sport e TV8