MotoGP Jerez: Andrea Dovizioso “Sono arrivato un pò lungo…”

Le parole (ufficiali) dei piloti Ducati coinvolti nello scontro con Dani Pedrosa

7 maggio 2018 - 6:11

Che disastro per la Ducati. Sostenere che “non è colpa di nessuno” non rimedia il danno ciclopico che l’incidente di Jerez ha provocato alla classifica Mondiale e non contribuirà ad allentare la tensione (neanche tanto talente…) che agita il rapporto fra Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo. Per la Marca italiana dev’essere stato anche assai imbarazzante  circoscrivere a livello  mediatico l’entità del patatrac. Ecco le parole di entrambi i piloti riportate nel comunicato ufficiale. (qui cronaca e classifica del GP)

ANDREA DOVIZIOSO – “Un vero peccato! Da una parte sono molto contento del feeling che avevo con la moto, della mia velocità e di come ho gestito la gara: partire da dietro e recuperare qui a Jerez, avendo quasi il passo di Marquez che poi ha vinto la gara, è veramente una bella soddisfazione. Però alla fine vado a casa con zero punti, e questo risultato negativo è molto pesante in questo momento, perché stiamo lottando contro un  pilota e una moto molto forti e di conseguenza non possiamo permetterci di perdere venti punti quando li avevamo praticamente in tasca. Per quanto riguarda l’incidente, io ho fatto una staccata al limite perché erano diversi giri che provavo a passare Jorge: sono andato un po’ lungo e ho fatto arrivare un po’ lungo anche lui, Dani ha visito un varco e si è buttato dentro troppo velocemente e alla fine la sfortuna ha voluto che agganciandosi tra di loro abbiano preso anche me.”

JORGE LORENZO –  “Sono davvero dispiaciuto per la caduta, soprattutto perché ha visto coinvolti tre dei piloti più corretti del mondiale, e per questa ragione non voglio entrare nei dettagli di quanto è successo. Siamo sicuramente stati molto sfortunati ed è stato un incidente di gara: Pedrosa è entrato molto forte però non credo che ci siano da cercare dei colpevoli se non la sfortuna e mi dispiace particolarmente per Andrea e per la Ducati. Rimane la soddisfazione per la grande gara che stavamo facendo, per la partenza esplosiva e per la nostra determinazione, ma sono anche contento di come abbiamo lavorato durante tutto il fine settimana. Questa gara è stata un passo avanti nella nostra evoluzione e, anche se ci mancano ancora due o tre decimi di passo, siamo sulla strada giusta.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

MXGP Gran Bretagna: Gajser davanti anche nel warm-up

MotoGP, Miguel Oliveira: “Presto KTM lotterà per il podio”

Supercross Seattle: Musquin vince..con la croce rossa