MotoGP Aragon Michelin punta sulla posteriore asimmetrica

Michelin metterà a disposizione dei piloti tre mescole da asciutto ad Aragon, con una costruzione asimmetrica solo al posteriore.

19 settembre 2017 - 7:47

Siamo ormai entrati nella settimana della terza e penultima tappa spagnola presente nel calendario del Motomondiale: la MotoGP sarà di scena ad Aragón, un tracciato lungo oltre cinque chilometri e particolarmente tecnico, ricco di tornanti stretti e curve in successione, con un asfalto mediamente abrasivo. Una nuova sfida quindi per Michelin, che oltre a queste caratteristiche della pista dovrà considerare la possibilità di trovare basse temperature, soprattutto nel corso dei turni mattutini.

Commenta

per primo!

Con queste premesse quindi, la compagnia francese è pronta ad affrontare il quattordicesimo appuntamento iridato portando tre mescole da asciutto: mentre morbida, media e dura anteriore presenteranno una struttura simmetrica, per il posteriore, sempre con tre mescole disponibili, troveremo una costruzione asimmetrica con una spalla sinistra più dura per ridurre lo stress della gomma a causa del maggior numero di curve presenti in questa direzione. Non viene esclusa poi la possibilità che compaia la pioggia nel corso del fine settimana: per ovviare a questo cambiamento Michelin metterà a disposizione le gomme morbida e media per l’anteriore, unite a extra morbida e morbida per il posteriore.

“L’anno scorso Aragón per noi è stata una sfida” ha dichiarato Piero Taramasso, Manager di Michelin Motorsport Two-Wheel, “le mattinate erano piuttosto fredde e per noi si trattava della prima volta su quella pista, quindi c’era molto da imparare. Abbiamo raccolto tantissime informazioni e questo ci ha permesso di migliorare in queste condizioni. Si tratta di un circuito molto tecnico, con un asfalto mediamente abrasivo e che quindi merita particolare attenzione. L’obiettivo è quello di fornire ai piloti una gomma con cui possano lottare ancora di più rispetto all’anno scorso, avremo un’altra bella battaglia prima delle tre gare oltreoceano.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Moto3, Test Jerez: Arbolino top di giornata, riecco Fenati

Moto2, Test Jerez: Marini da record nella prima giornata

Moto3, Celestino Vietti: “Devo migliorare in molti aspetti”