Moto3: Tony Arbolino, la prima vittoria mondiale in casa

Il Gran Premio d'Italia 2019 sarà indimenticabile per Tony Arbolino, che trionfa per la prima volta nel Mondiale proprio in casa, al Mugello.

3 giugno 2019 - 9:11

La giornata di gare per il Campionato del Mondo si è aperta con l’inno italiano alla fine del GP Moto3. Tony Arbolino realizza un sogno, vincere la sua prima gara mondiale, ma ci riesce proprio sul tracciato di casa del Mugello, partendo dalla pole position e con il record della pista. Uno straordinario risultato che per un pilota tricolore è davvero il migliore dei sogni diventato realtà. Aggiungiamoci anche che il 2 giugno era la festa della Repubblica ed il quadro è completo.

Come sempre, la Moto3 si conferma la categoria più imprevedibile e combattuta. Un folto gruppo di piloti si rende protagonista della battaglia dall’inizio alla bandiera a scacchi. Tra questi un buon numero di italiani, spinti dal pubblico di casa e determinati a fare ancora meglio proprio in questa circostanza. Il finale è davvero tutto una sorpresa: la vittoria sembra di Dalla Porta, ma Arbolino (secondo in quel momento) esce dalla scia e dà tutto in pieno rettilineo.

Sono appena 29 millesimi quelli che consegnano il primo successo mondiale al pilota VNE Snipers. Incontenibile la gioia della squadra, frastornato e quasi incredulo Arbolino, che da questo momento farà parte nel club dei vincitori di (almeno) un Gran Premio nel Motomondiale. L’italiano è nientemeno che l’undicesimo pilota diverso che si impone negli ultimi appuntamenti. In questi primi sei GP del 2019 e nelle ultime 5 tappe del 2018 abbiamo sempre avuto un vincitore differente.

“È stato un weekend incredibile” ha dichiarato Tony Arbolino a fine gara. “Me lo sentivo, dovevo far bene! In questa gara era necessario ragionare, sono stato freddo e ho capito che uscire secondo dall’ultima curva sarebbe stata la scelta vincente. Grazie a tutti per il supporto, il pubblico è stato fantastico, la mia squadra impeccabile. Per un italiano vincere su questo tracciato è un’emozione che va al di là dell’incredibile!”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Suzuki-Rins: il successo nasce dalla crisi del 2017

Puig avvisa Lorenzo e Crutchlow: “Con Honda zitto e corri”

MotoGP, Assen: La programmazione TV, diretta Sky Sport e TV8