Moto3, Test Qatar: Giorno 1, Arbolino in testa

Snipers Team in luce in questa prima giornata di test: miglior crono di Arbolino davanti a Fenati. Tripletta italiana con Dalla Porta 3°.

1 marzo 2019 - 18:34

Gli ultimi test per la categoria minore del Motomondiale sono ormai scattati. Nella giornata odierna si è messo in luce soprattutto il duo Snipers Team: alla fine è Tony Arbolino a stampare il miglior crono in 2:07.753, precedendo di appena un decimo il compagno di squadra Romano Fenati, 3° Lorenzo Dalla Porta. Ricordiamo il record della pista in 2:05.862 di Masbou (2014), oltre al miglior giro in 2:05.590 di Martín (2018). Si ricomincia sabato sera/notte per la seconda ‘giornata’ di test.

La Moto3 apre questo venerdì di prove, anche se non è fortunata: il forte vento, le basse temperature e la pista sporca spingono solo 15 piloti ad entrare in azione. Pochi i giri a referto, tranne per i rookie Salac, Vietti e Rossi, che vedono per la prima volta questo tracciato. Il miglior tempo di questa sessione è un 2:11.605 realizzato da Romano Fenati, che ha preceduto il compagno di box Tony Arbolino, l’alfiere di Gresini Gabriel Rodrigo e Lorenzo Dalla Porta (Leopard Racing).

Nel secondo turno le condizioni sono invece migliorate ed i tempi si abbassano notevolmente. Lo notiamo dal miglior crono, nuovamente di Romano Fenati, che stampa un 2:08.201. Tripletta tutta italiana al vertice, completata da Niccolò Antonelli (SIC58 Squadra Corse) e da Tony Arbolino. Miglior rookie Ai Ogura, che troviamo in sesta piazza a poco più di otto decimi dal capoclassifica.

Al momento di disputare il terzo ed ultimo turno di giornata, è ormai scesa la notte. I tempi però migliorano ancora e questa volta è Tony Arbolino ad avere la meglio, con un 2:07.753 che è anche il miglior crono di questo primo giorno a Losail. Lo segue ad un decimo il collega Romano Fenati, completa un’altra tripletta italiana Lorenzo Dalla Porta, risalito davanti al compagno di squadra Marcos Ramírez.

I tempi della prima giornata

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

MotoGP: Danilo Petrucci lavora sull’ergonomia, ma la sella ‘scotta’

Valentino Rossi e il segreto del ‘Risorgimento Yamaha’

MotoGP, Fabio Quartararo festeggia 20 anni come miglior rookie