Moto3: Aron Canet investito da un’auto, pilota ok!

Aron Canet protagonista di un incidente con una vettura durante un allenamento in bici. Nessuna lesione importante per il pilota.

25 gennaio 2019 - 15:38

Per fortuna la cosa si è conclusa senza lesioni di rilievo, ma non è stata sicuramente un’esperienza piacevole quella vissuta da Aron Canet. Secondo quanto riportato da Levante-EMV, nella giornata di giovedì l’alfiere del Max Racing Team, che si stava allenando in bicicletta ad Alzira, è stato investito da un’auto. La cosa fortunatamente si è risolta solo con alcuni lividi ed escoriazioni, oltre ad aver riportato qualche danno alla bici.

Commenta

per primo!

Sul posto si è recata subito la polizia locale ed è stata aperta un’indagine per capire la dinamica dell’incidente. Canet, che inizialmente accusava dolori soprattutto ad una gamba, si è in seguito recato in ospedale, dove esami approfonditi hanno scartato qualsiasi ipotesi di lesione. Sembra che il conducente della vettura non abbia mostrato alcun sintomo conseguente all’assunzione di alcol o droga, e l’ipotesi per il momento è che si tratti di distrazione da parte dell’automobilista.

Lo stesso pilota spagnolo ha tranquillizzato tutti con un messaggio lasciato sui suoi profili social. “Alla fine ho riportato solo qualche botta” ha dichiarato Canet, spiegando poi l’accaduto. “Mi trovavo sul lato della strada, quando un uomo ha ignorato una linea continua e mi ha centrato. Mi ha colpito alla tibia, sono letteralmente volato e la bicicletta si è distrutta.” Conclude con un commento amaro: “Ogni due per tre capita una cosa del genere, è sempre più rischioso allenarsi.”

Come detto, per fortuna solo qualche botta per il pilota spagnolo, chiaramente ancora un po’ scosso da quanto accaduto ma pronto a continuare la sua preparazione in vista della nuova stagione. Sarà in pista dal 20 al 22 febbraio per quelli che saranno i primi test del 2019 con Max Racing Team, struttura di Max Biaggi e Peter Öttl al debutto mondiale, della quale sarà l’unico pilota.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

ASBK Phillip Island: Troy Bayliss subito il più veloce

Ana Carrasco: “Voglio arrivare a competere in MotoGP”

Superbike: “Il vantaggio Ducati non sono i giri, ma la special stradale”