Moto2: Augusto Fernández confermato in Pons HP 40 per il 2019

Augusto Fernández sarà un pilota Pons HP 40 anche nel corso della prossima stagione nel Mondiale Moto2, affiancando Lorenzo Baldassarri.

3 ottobre 2018 - 9:55

Il team Pons HP 40 è ora al completo per quanto riguarda la prossima stagione: accanto a Lorenzo Baldassarri è stato confermato Augusto Fernández, ingaggiato al posto di Hector Barberá a partire dal Gran Premio di Catalunya e chiamato quindi nel 2019 a disputare quella che sarà la sua prima stagione completa nel Campionato del Mondo Moto2. Nel 2017 infatti l’avventura mondiale per lui è iniziata al Mugello al posto di Bassani in Speed Up, e quest’anno dal Montmeló con la squadra di Sito Pons, dopo aver cominciato il 2018 nel CEV Moto2 per la terza annata consecutiva.

“Sono davvero contento di questo rinnovo e voglio ringraziare la squadra per questa occasione” ha dichiarato entusiasta Augusto Fernández. “Quest’anno stiamo lavorando molto bene, ho un ottimo rapporto con la squadra e poter continuare questo progetto è come realizzare un sogno. Sono molto grato a Sito per il suo supporto, così come agli sponsor che rendono tutto questo possibile, ma ora dovremo lavorare ancora più di prima per dimostrare di meritare questa fiducia, arrivando a lottare per le posizioni di vertice.”

Non meno contento è il Team Principal Sito Pons: “Siamo soddisfatti, Augusto è un pilota giovane e di talento, molto veloce in pista e capace di adattarsi bene sia alla moto che al gruppo di lavoro. Gli abbiamo dato questa occasione a metà stagione e sappiamo che per vedere i risultati che ci aspettiamo era necessario estendere il contratto, cosa che abbiamo fatto. Sono sicuro che nella seconda stagione con la stessa squadra saprà portarci grandi soddisfazioni, e assieme a Baldassarri siamo convinti di avere il gruppo giusto per lottare per il campionato.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

MXGP: clamoroso Jeffrey Herlings già in moto!

MotoGP: Più aerodinamica per Rossi nel 2019

MotoGP, Eschenbacher: “Yamaha non doveva privarsi di Zarco”