Moto2, Alex Márquez: “Avevo bisogno di una gara così”

Alex Márquez trionfa al Mugello, ottenendo il secondo successo stagionale, e si avvicina a Baldassarri. "Dobbiamo continuare, il campionato è lungo."

3 giugno 2019 - 18:29

Due vittorie consecutive, qualcosa che non gli succedeva dal 2014. Dopo Le Mans, Alex Márquez si è imposto anche all’Autodromo del Mugello, un doppio successo che regala fiducia a pilota e squadra, oltre a permettere di accorciare le distanze dal leader iridato. Dopo una stagione difficile, il minore di casa Márquez cerca la svolta: un podio e due vittorie in sei gare sono un buon inizio in un’annata che una volta di più sarà molto lunga.

Il pilota catalano scattava dalla terza casella in griglia, realizzando un’ottima partenza e mantenendosi nel gruppo di testa. Bastano nove giri per prendere il comando della gara, guadagnando sempre più decimi e stabilendo un margine importante sugli inseguitori. Non riesce il tentativo di rimonta di Marini, che ci prova negli ultimi giri dopo aver superato Lüthi: Márquez riesce a controllare il vantaggio e taglia il traguardo da vincitore.

Esplode la gioia nel box di Marc van der Straten, esulta il fratello Marc, il primo a festeggiarlo in pit lane. Una doppia festa in due GP non capitava dal 2014, quando Alex Márquez, allora in Moto3, vinse in Catalunya e ad Assen. “Ho realizzato una gara che avevo bisogno di fare, sono stato intelligente” ha dichiarato a GP concluso. Ora è 2° in classifica iridata, a due punti dal leader Baldassarri, 4° in rimonta.

“Onestamente, non mi aspettavo di riuscire a creare un margine una volta in testa” ha continuato. “Ho gestito la situazione fin dalla partenza. Nei primi due giri il ritmo di Tom [Lüthi] e Marcel [Schrötter] è stato incredibile. Ho cercato di ridurre lo svantaggio, ho superato Marcel e poi mi sono accorto che Tom aveva qualche problema con la gomma posteriore. Mi sono detto ‘Ok, ora è il momento di passare e di impostare un buon ritmo’.”

Ci è riuscito: il suo unico podio al Mugello era un terzo posto ottenuto nel 2017, risultato decisamente migliorato quest’anno. “Tutto è stato perfetto, la squadra ha fatto un lavoro fantastico” ha aggiunto Alex Márquez. “L’anno scorso ho fatto fatica a trovare un buon set up per circuiti come questo, ma stavolta è andata alla grande.” La testa è già ai prossimi appuntamenti iridati, a partire dalla tappa in Catalunya tra due settimane. “Dobbiamo continuare così, il campionato è davvero lungo.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Suzuki-Rins: il successo nasce dalla crisi del 2017

Puig avvisa Lorenzo e Crutchlow: “Con Honda zitto e corri”

MotoGP, Assen: La programmazione TV, diretta Sky Sport e TV8