KTM, Leitner: “Stoner e Marquez veloci con la moto di Pedrosa”

Mike Leitner, team manager KTM, ha grande fiducia nel ruolo di collaudatore di Dani Pedrosa. "Stoner e Marquez hanno iniziato con la sua moto".

23 dicembre 2018 - 20:34

Dopo una buona prima stagione in classe regina, nel 2018 KTM ha dovuto rallentare il passo nell’evoluzione della RC16. I risultati non corrispondono alle aspettative, ma è pur vero che la casa austriaca ha dovuto fare i conti con la cattiva sorte: prima il ko di Mika Kallio nelle prove libere del Sachsenring, poi il doppio infortunio di Pol Espargarò a Brno e ad Aragon. A quel punto lo sviluppo della moto è rimasto nelle mani del solo Bradley Smith, con Randy De Puniet che ha potuto compiere solo dei test di base.

Dai test di Valencia e Jerez il team di Mattighofen ha potuto schierare ben quattro alfieri e pochi giorni fa ha debuttato Dani Pedrosa in veste di collaudatore. Il team manager Mike Leitner conta molto sulla sua esperienza per dare un’accelerate all’evoluzione della RC16: “È un pilota esperto in MotoGP e può concentrarsi su aspetti che Mika non può fare perché si è perso questi anni in MotoGP. Dal livello che abbiamo ora, penso che Dani possa aiutarci molto a fare il prossimo passo“, ha spiegato l’ingegnere KTM a Crash.net.

Sono in molti a chiedersi se il pilota di Sabadell possa davvero offrire un contributo sostanzioso nella crescita della moto, considerando che ha un peso di 10 kg inferiore alla media. A tal proposito Leitner non ha nessun dubbio: “Quando ho lavorato con lui, la storia mi ha mostrato molte volte ha consegnato lui la moto a piloti più alti e pesanti ed erano subito veloci. Quindi non è mai stato necessario costruire una nuova moto quando è arrivato Casey (Stoner, ndr) o Marc (Marquez, ndr). In realtà hanno iniziato con questa moto sviluppata da Dani. Questo mi dà molta fiducia che farà un buon lavoro“.

KTM è una squadra ancora molto giovane, che ha appena concluso la sua seconda stagione e si ritrova a lottare con quattro costruttori che sono in MotoGP da oltre 15 anni consecutivi. Il primo diretto avversario è Aprilia, in classe regina da quattro anni. Adesso a Mattighofen si lavora sui dati raccolti nel post campionato, compreso il feedback rilasciato da Pedrosa il 18-19 dicembre, quando ha girato a Jerez insieme a Kallio. “In MotoGP è difficile fare grandi cose – ha aggiunto Mike Leitner -. Penso che abbiamo alcuni punti positivi sulla nostra moto e dobbiamo correggere i punti deboli. Questo funzionerà solo con il duro lavoro del nostro team di test, con un duro lavoro in pista e con alcune buone idee. D’ora in poi dobbiamo pensare passo dopo passo perché è facile andare nella direzione sbagliata“.

Scommetti con Johnnybet

Ricambi moto 4moto.it

Biglietteria per tutti gli eventi motoristici, F1 inclusa

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

MotoGP, Gigi Dall’Igna: “Siamo sereni, la Corte d’Appello ci darà ragione”

BSB Test Portimao: O’Halloran precede Redding e Forés

Ducati non si ferma: Bautista e Davies doppio test ad Aragon