Motomondiale: Enea Bastianini “L’anno prossimo correrò in Moto2”

Fresco di vittoria al Montmeló, Enea Bastianini ha parlato del presente ma anche di ciò che sarà, parlando della seria intenzione di effettuare il passaggio di categoria.

22 giugno 2018 - 14:25

Vincitore del primo Gran Premio stagionale in Catalunya, un successo che interrompe un digiuno che durava dal Gran Premio del Giappone 2016, Enea Bastianini ha rilasciato un’intervista a motogp.com. Il pilota di Rimini parla appunto del primo acuto del 2018, ma anche del futuro, dichiarando apertamente anche l’intenzione di approdare il prossimo anno in Moto2.

“E’ passato davvero tanto tempo da quando ho vinto l’ultima volta” ha dichiarato ‘Bestia’. “Abbiamo fatto molta fatica e quando raggiungi l’obiettivo bisogna goderselo. Questa stagione è davvero difficile, anche più delle precedenti: abbiamo assistito a tante cadute, molti colpi di scena ed il livello è davvero alto. Anche se le gare sono sempre una lotteria, ci stiamo comportando bene.”

“Ogni Gran Premio è una storia a sé, ma Assen mi piace molto, anche se non sempre ho ottenuto il risultato che volevo. Mi aspetto però di essere competitivo.” Bastianini si vede ancora come uno dei pretendenti per il titolo iridato quest’anno? “Ci sono 35 punti di ritardo, ma in Moto3 tutto è possibile e se la fortuna ci assiste possiamo ridurre lo svantaggio.”

In testa al Mondiale intanto c’è una KTM, quella guidata da Marco Bezzecchi, seguita da soli piloti Honda. “Noi siamo più forti a livello di ciclistica, mentre loro lo sono al motore” ha spiegato il pilota Leopard Racing. “Riescono ad accelerare bene in uscita dai tornanti e poi noi è uno svantaggio soprattutto sulla linea del traguardo. Speriamo in alcuni aggiornamenti da HRC.”

Piani per il futuro? Bastianini ne ha uno in particolare in mente: “L’anno prossimo correrò in Moto2. In teoria la squadra di cui farò parte è ancora da decidere, ma siamo piuttosto determinati in questo senso.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Danilo Petrucci: “Dovi ed io diamo il massimo, ma non basta”

MotoE, Aki Ajo: “L’intensità della competizione è stata una rivelazione”

Carlo Pernat: “La MotoGP ha bisogno di Valentino Rossi”