3 Luglio 2023

Motoestate, un round di fuoco in quel di Magione

Il circuito umbro di Magione è stato teatro del terzo round stagionale dei Trofei Motoestate. Ecco com'è andata.

motoestate-magione-trofei-mes

Magione ha regalato grandi emozioni per il terzo round che ha sancito il giro di boa dei Trofei WRS Motoestate. Tanti piloti al via e belle gare tra sabato sera e domenica nella bella cornice dell’autodromo dell’Umbria “Mario Umberto Borzacchini”. Vediamo com’è andata, ricordando che il prossimo appuntamento dei Trofei Motoestate, la serie nazionale più longeva d’Italia, è in programma nei giorni 5-6 agosto sull’autodromo Riccardo Paletti di Varano de Melegari.

Motoestate, le prime prove

Come detto, inizio sabato sera con la prima prova della Twins Cup e della Octo Cup. Per la prima, parliamo di una gara spettacolare con ben 5 piloti in lizza per la vittoria. Piero Roma ha condotto le danze per sei passaggi, tenendo duro fino a quando Davide Conte ha rotto gli indugi e lo ha passato, prendendo quel margine minimo che lo ha portato per primo sotto alla bandiera a scacchi. In seconda posizione Roma, in sella alla Ros Moto, e in terza Boccellari bravo a tenere alle spalle Carone e Bisconti, che ha chiuso il trenino dei protagonisti.

Il programma della domenica di gare Motoestate si è aperto con la 125/Moto4/Supermono. Vittoria agevole per Andrea Raimondi, primo dall’inizio alla fine, staccando fin dal via Talamonti e Lorenzo La Sorsa, primo della Moto4. Bella lotta nella 125 tra Modesti e Magnanelli. I due si sono sfidati fino alla bandiera a scacchi, chiudendo nell’ordine, e tenendo a distanza Guidi, terzo, che mantiene la leadership di campionato. Nella 125 Open vittoria di Rosati, che ha chiuso così i podi dedicati alla due tempi.

Supersport e Sound of Thunder

300SS divisa in due manche, con classifica valida con arrivo di gara 2 e vittoria di Sorrenti. Il campione in carica della categoria ha fatto en plein e recuperato punti in classifica: pole positiion, giro veloce e primo posto, al termine di una bella lotta contro il compagno di squadra Davide Bollani, secondo a quattro decimi. A completare il podio Mattia Virone, bravo a piegare in volata Giacomo Zannoni e Pietro Aloisio, quinto. 600 SS nel segno di Daniele Galloni in fuga fin dal via. Il pilota dell’Atomico Racing Team ha staccato la concorrenza e vinto a mani basse, sia l’assoluta che la Next Gen.

Secondo assoluto e primo della Open Michael Ferrari che ha preceduto Giacomo Caffagni, secondo di categoria, che a sua volta ha avuto la meglio su Solcà , che ha completato il podio della Open, e Sansavini. Mentre Castelvetere e Venesia hanno finito secondo e terzo della Next Gen. Sound Of Thunder dominata da Michael Lamagni. Fin dalle prove ha girato sotto il record della pista, mettendo ipoteca sulla gara. E così è stato: in testa dall’inizio alla fine, lasciando alle spalle Lorenzo Renaudo ed Emanuele Lo Bartolo che ha completato il podio. Nella Stock, Paolo Cristini si è confermato al vertice.

Race Attack

Race Attack 1000 ha incoronato ancora una volta l’irlandese Thomas O’Grady, che ha fatto doppietta grazie a due gare perfette. Gabriele Proietti con due secondi posti ha conquistato il gradino mediano del podio, fortificando anche la sua classifica, e Scaltritti che per migliore piazzamento nella seconda manche ha conquistato il terzo posto a spese di Vitellaro, quarto. E proprio Scaltritti ha vinto la Challenge, mentre la Rookie è andata Ivaldi. Sessolo ha conquistato la vittoria nella Naked, mettendo alle spalle Beraldo e Papa.

La Race Attack 600 ha salutato la vittoria, la prima stagionale, di Alberto Bettella che con un terzo posto e un primo di manche ha battuto per un punto la resistenza di Simone Campanini, due volte secondo. Terzo posto per Diego Copponi autore di un quarto e un terzo posto di manche. Copponi ha inoltre vinto la classifica Challenge davanti a Fabrizio Pantella e Simone Taciti. Tra i Rookies vittoria di Alba davanti a Frosinini e Suriano.

Motoestate, il finale

A chiudere l’ultima giornata di corse a Magione la seconda gara della Twins Cup. Conte ha bissato il successo del sabato, grazie a una gara tiratissima contro Boccellari, poi quarto per un problema al cambio, e Roma, alla fine secondo. I tre hanno dato vita a una bella lotta risoltasi a due giri dal termine con Conte che ha preso le redini, approfittando del problema di Boccellari. Al terzo posto un ottimo Bisconti, autore anch’egli di una bella prestazione.

Lascia un commento