Supercross 2019: ecco il format della stagione

Analizziamo calendario, punteggi ed entrambi i format di gara che vedremo nella stagione 2019

28 dicembre 2018 - 7:39

A pochi giorni dalla prima gara del Supercross 2019 che si correrà in California all’Angel Stadium di Anaheim  e che noi di CorsediMoto seguiremo insieme a tutta la stagione, andiamo ad approfondire il regolamento e il format delle gare.

Il calendario prevede 17 gare con l’inizio del campionato previsto il 5 Gennaio e l’ultima gara il 4 di Maggio. Un vero e proprio “tour de force” per i protagonisti e tutti i team che parteciperanno alla stagione. Le gare si svolgono tutte in stadi che solitamente ospitano le partite della NFL, eccezion fatta per Daytona dove la pista viene ricavata all’interno del famoso catino che ospita la Daytona500.

Le classi iscritte  sono la 450 e la 250 che divide il proprio campionato tra costa Est e quella Ovest. Nelle prove di Atlanta e Las Vegas i due campionati si sfideranno nel famoso “Showdown” utile soprattutto a ricreare spettacolo per il pubblico.

Il venerdì che anticipa il sabato di gare viene chiamato “Press Day” dove i piloti incontrano la stampa e alcuni di loro hanno la possibilità di svolgere qualche giro di pista. Nel pomeriggio del Sabato ha inizio la vera e propria attività sviluppata in questa maniera:

– Sessione di prove libere

– Sessione di prove cronometrate

– 450 HEAT #1 – 20 Piloti ( 1-9 si qualificano per il Main Event) ( 10-20 alla LCQ) 6 minuti più un giro

– 450 HEAT #2 – 20 Piloti ( 1-9 si qualificano per il Main Event) ( 10-20 alla LCQ) 6 minuti più un giro

– 450 LCQ ( last chance qualifying) 22 Piloti ( 1-4 si qualificano per il Main Event) ( 5-22 sono eliminati) 5 minuti più un giro.

-450 MAIN EVENT – 22 piloti – gara da 20 minuti più un giro

Il sistema di punteggio prevede che tutti e 22 i piloti prendano punti in questo modo:

26 punti al primo classificato, 23 al secondo e 21 al terzo, con il quarto a 19 e le altre posizioni a scalare di un punto fino alla ventiduesima posizione.

Il campionato prevede anche 3 gare con il format ” Triple Crown” esattamente quelle di Anaheim2, Detroit e Houston. Ci sarà anche un trofeo dedicato al miglior pilota che otterrà i risultati migliori in queste gare, ed Eli Tomac proverà a vincerlo come nel 2018.

Il format della “Triple Crown” è il seguente:

– Sessione di prove libere

– 2 sessioni di prove cronometrate dove i primi 18 si qualificano direttamente ai 3 Main Event e il resto dei piloti alla LCQ

– 450 LCQ con i primi 4 piloti che si qualificano per i 3 Main Event

– 450 MAIN EVENT #1 – 22 piloti ( 8 minuti più un giro)

– 450 MAIN EVENT #2- 22 piloti ( 12 minuti più un giro)

– 450 MAIN EVENT #3- 22 piloti ( 15 minuti più un giro)

Chi otterrà nelle gare il minor punteggio, ad esempio al vincitore di una manche andrà un punto, al secondo due e così a scalare fino alla ventiduesima posizione vincerà l’evento e quindi la gara. I punti assegnati saranno gli stessi delle altre gare presenti nel calendario con il format “originale”.

Vi ricordiamo che su “CorsediMoto” troverete tutti gli approfondimenti ed i resoconti delle gare.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

MXGP: clamoroso Jeffrey Herlings già in moto!

MotoGP: Più aerodinamica per Rossi nel 2019

MXGP: Tony Cairoli e Lamborghini insieme in pista