Antonio Cairoli: “Vittoria fantastica, avevo dubbi sulle partenze”

Numeri da capogiro quelli di Antonio Cairoli dopo la vittoria in Patagonia nonostante qualche dubbio sulle partenze dopo il problema del sabato in qualifica

4 marzo 2019 - 0:59

Vittoria numero 86, podio numero 160, successo di manche numero 170. Sono questi i numeri stratosferici di Antonio Cairoli aggiornati dopo la vittoria nel MXGP di Patagonia prima gara del mondiale (qui la sintesi TV) Una affermazione arrivata dopo un sabato difficile e soprattutto con la consapevolezza di avere di fronte avversari in grande forma, come Tim Gajser e Romain Febvre (qui cronaca e classifica)

PARTENZE DECISIVE

” Nel complesso sono felice” ha esordito Tony, ” perchè dopo il problema (una rottura meccanica,ndr) di sabato non ero sicuro di come sarebbe andata in partenza. Su questa pista è importante restare davanti con gli altri perchè non c’è molta differenze nel tempo sul giro e recuperare è davvero difficile ma fortunatamente sono riuscito a partire bene”.

CONTENTO PER LA VITTORIA

” Nella prima manche sono partito bene e da subito ho lottato per la prima posizione, nella seconda ero più arretrato e ho dovuto lottare per arrivare al quarto posto alla fine del primo giro. Poi ho osservato la lotta di quelli che erano davanti a me e studiare dove potevo passare. Sono davvero felice di aver ottenuto finalmente la vittoria su questa pista davanti ad un pubblico fantastico e rumoroso su tutto il tracciato” ha concluso il nove volte campione del mondo.

Nel prossimo round torna Jeffrey Herlings?

Il Mondiale tornerà in pista il 24 marzo sul tracciato britannico di Matterley Basin, secondo dei diciannove appuntamenti previsti. Mancano tre settimane ma la domanda che tutti si fanno è: riuscirà Jeffrey Herlings a tornare in sella? Ricordiamo che il fuoriclasse olandese dominatore 2018 si è fratturato un piede in precampionato, si è dovuto operare ed è ancora convalescente.

Qui trovate classifica e cronaca delle gare.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

MotoG: Test privati per Aprilia, Suzuki, Ducati, Yamaha e KTM

MXGP: Honda SR, il piccolo miracolo di Jeremy Van Horebeek

MotoGP, Pit Beirer: “Difficile capire il problema di Zarco”