Internazionali d’Italia MX: Antonio Cairoli e Jorge Prado sono campioni

I piloti ufficiali KTM si sono presi tutto nelle classifiche finali degli Internazionali d'Italia MX EICMA buona prova per il team Red Moto Assomotor all'esordio stagionale

10 febbraio 2019 - 18:39

L’ultima prova degli “Internazionali d’Italia MX EICMA” corsa a Mantova ha visto laurearsi campione Antonio Cairoli. TC 222 ha vinto sia la classifica riservata alla MX1 che quella “Supercampione” dimostrando a tutti di essere in grande forma per il mondiale che scatterà tra 3 settimane in Argentina.

GAJSER PRIMO NELLA MX1

Nella pista che lo aveva visto sfortunato protagonista esattamente un anno fa con un infortunio che gli aveva condizionato la preparazione del campionato 2018, Tim Gajser ha conquistato la vittoria della manche della classe MX1 sfruttando una partenza piuttosto deludente di Antonio Cairoli, poi terzo, dopo un bel duello con Romain Febvre che ha chiuso la manche in seconda posizione. Sia il pilota sloveno che quello francese hanno mostrato un buon ritmo sulla pista mantovana che dopo passaggio dopo passaggio si segnava sempre maggiormente. Quarto posto per Gautier Paulin davanti a Maximilian Nagl. Buon nono posto per Samuele Bernardini sempre più a suo agio con la Yamaha del team Ghidinelli.

PRADO CAMPIONE NELLA MX2

Anche Jorge Prado ha vinto tutto quello che era possibile portare a casa nella propria categoria. Il campione spagnolo dopo aver vinto la manche della MX2 guidata a lungo da un sorprendente Brian Moreau. Il pilota della Kawasaki dopo essere balzato in testa ha condotto per diversi giri la manche prima di lasciare “spazio” al più veloce Jorge Prado. Terzo posto per il compagno del campione del mondo, Tom Vialle, al debutto con la moto austriaca. Il figlio d’arte è entrato anche in contatto con il francese del team Red Moto Assomotor Pierre Goupillon che ha letteralmente mandato a terra nel tentativo di passarlo. Ottima comunque la prova delle Honda gestite da Alfredo Bevilacqua con tre delle sue quattro moto presenti in pista in top10. Al contrario le Honda ufficiali hanno faticato sia con Calvin Vlaanderen che con Mitchell Evans.

PAURA PER FEBVRE NELLA SUPERCAMPIONE

Piuttosto difficile il via della classe “Supercampione” con Antonio Cairoli davanti a tutti ma con una caduta alle sue spalle che ha coinvolto diversi protagonisti. Un contatto che ha visto cadere a terra rovinosamente sia il nostro Mattia Guadagnini, poi ripartito, che il francese ufficiale Yamaha Romain Febvre. Il campione del mondo 2015 ha sicuramente ricevuto un duro colpo tanto da essere costretto al ritiro e ad un controllo medico di cui vi terremo aggiornati nelle prossime ore. Tim Gajser uscito, così come Antonio Cairoli, indenne alla prima curva è incappato qualche secondo dopo anche lui in una caduta che di fatto ha chiuso la manche e ha costretto lo sloveno ad una rimonta che lo ha portato fino al quarto posto finale. Alle spalle quindi del campione italiano si sono classificati Maximilian Nagl e Jorge Prado dopo una partenza non brillantissima.

IL MONDIALE SI AVVICINA

Senza Jeffrey Herling out per infortunio, i protagonisti della MXGP e della MX2 si trasferiranno nelle prossime settimane in Argentina dove scatterà il mondiale che noi di corsedimoto seguiremo con cronache, interviste ed approfondimenti.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

MXGP Lombardia: Jeremy Seewer in pista a Mantova

MotoGP, Fabio Quartararo festeggia 20 anni come miglior rookie

BSB Silverstone: Tarran Mackenzie in pole, Scott Redding 3°