Moto3 Indianapolis Gara: Rins batte Marquez, doppietta Monlau

Vinales è terzo, Salom resta leader, Fenati nei 10

18 agosto 2013 - 13:59

Si conoscono e corrono, eccezion fatta per una breve parentesi nella passata stagione, insieme da quattro anni, per gran parte vissuti uno in scia all’altro tra CEV e, adesso, nel Motomondiale. Alex Rins e Alex Marquez, coppia del Monlau Competición di Emilio Alzamora, con quest’ordine ha conquistato una preziosa doppietta all’Indianapolis Motor Speedway per l’ennesimo podio iberico e di KTM completato da Maverick Vinales, terzo sul traguardo e ora a soli 6 punti dalla leadership di campionato detenuta da Luis Salom, stoico quinto sul traguardo. Scattato dalla pole e reduce dalla vittoria conseguita al Sachsenring, Rins nei 23 giri della distanza di gara ha gestito al meglio la situazione riuscendo a regolare soltanto in volata il proprio compagno di squadra Marquez, secondo ed al primo podio in carriera nel Motomondiale, ma soprattutto in piena corsa per la vittoria come gli era già accaduto a Losail e Mugello.

Rins e Marquez sono così artefici di un sensazionale 1-2 del Team Estrella Galicia 0,0 con le due KTM RC 250 GP curate dallo staff diretto (Scuola Monlau compresa) da Xavi Palacin, con il 17enne pilota catalano al terzo centro stagionale e nella serie iridata dopo Austin e Sachsenring, in grado di rifarsi sotto in campionato a sole 16 lunghezze dal già menzionato Luis Salom, quinto e comprensibilmente non al meglio della forma fisica (forte dolore al piede sinistro) per il brutto botto di ieri nel corso delle qualifiche ufficiali, riuscendo tuttavia a limitare i danni con un piazzamento nella top-5 preceduto dalla KALEX-KTM di Jonas Folger, quarto sul traguardo.

Con le prime sette posizioni monopolizzate dai monocilindrici 250cc 4 tempi di Mattighofen, la Mahindra porta Miguel Oliveira all’ottavo posto a precedere un Romano Fenati in grande rimonta, settimo e primo “Hondista” con la FTR Honda schierata dal San Carlo Team Italia, viaggiando su tempi interessanti dopo aver perso tempo prezioso all’avvio per evitare Eric Granado scivolato davanti a sé. “Fenny” guadagna così un posto nella top-10, un punticino (il primo) invece per il Campione europeo Moto3 in carica Matteo Ferrari, quindicesimo e vincitore della volata con Niccolò Antonelli. Niente da fare invece per Alessandro Tonucci (il migliore dei nostri in qualifica, costretto alla resa con il motore KO), Francesco Bagnaia (problema tecnico alla seconda FTR Honda del Team Italia) e Lorenzo Baldassarri (scivolato), peggio è andata a Jack Miller, caduto nelle prime fasi di gara rimediando la frattura della clavicola destra, il quarto infortunio di questo genere in soli dodici mesi.

Cronaca di Gara

Slitta di qualche minuto la partenza per un problema “tecnico” al semaforo, ma finalmente si procede allo start con il poleman Alex Rins a conquistare l’hole-shot alla piega sinistrorsa della curva 1, ma questi arriva addirittura fuori pista alla 2 spalancando le porte ad un sorprendente Arthur Sissis e Jack Miller, secondo “spingendo” al di là della traiettoria ideale Vinales preceduto anche da Alex Marquez. Primo pilota ad uscire di scena per una caduta alla curva 2 Jasper Iwema, mentre transitano per le vie di fuga Juanfran Guevara ed il nostro Matteo Ferrari. Il primo giro va in archivio senza ulteriori stravolgimenti di classifica, ma prevedibilmente Vinales recupera posizioni e, nel corso del terzo passaggio, si presenta in testa con un doppio-sorpasso alla staccata in fondo al rettilineo dei box a scapito di Sissis e Marquez frutto del giro più veloce della contesa in 1’48″707.

La nuova classifica propone così Vinales leader su Marquez, Sissis, Rins, Salom scivola in quinta piazza preceduto da Jack Miller, ma la gara dell’australiano si conclude in un attimo: quarto giro, curva 2, arriva leggermente fuori traiettoria e finisce a terra per un violento highside. Il portacolori Caretta Technology RTG viene soccorso in barella visivamente dolorante, primo di una serie di cadute e/o scivolate: sbaglia il nostro Lorenzo Baldassarri, sbaglia anche Eric Granado con i due evitati di un soffio dagli alfieri del Team Italia, rispettivamente da Francesco Bagnaia e Romano Fenati. Il testimone di miglior nostro portabandiera passa così a Niccolò Antonelli ai margini della zona punti, là davanti si forma invece un trio di testa con Vinales e le KTM Monlau di Rins e Marquez, seguiti nell’ordine da un rimontante Folger, Sissis, Salom e la prima Mahindra condotta da Efren Vazquez.

Mentre Juanfran Guevara, nel tentativo di recuperare dopo la “falsa partenza”, sbaglia-e-paga con una caduta non prima di un contatto con un acciaccato Brad Binder (successivamente costretto alla resa), là davanti inizia la prolungata fase di studio con Rins che si porta in testa, ma seguito come un’ombra da Vinales e Marquez. Si viaggia ben al di sotto dell’1’48”, il trio in fuga lascia a 4″ effettivi Folger, Sissis ed un Salom a rischio leadership di campionato. Tutto volge a favore in quest’ottica a “Mack”, ma giusto al giro di boa della contesa perde improvvisamente il posteriore della propria KTM in uscita dalla curva 4 restando in piedi per miracolo. Vinales perde così contatto dalle KTM Monlau di Rins e Marquez, perde la possibilità di concludere nella top-20 Francesco Bagnaia, costretto al ritiro a 8 giri dal termine per un problema tecnico alla propria FTR Honda.

Inizia così il “rush finale” della contesa con Vinales che si rifà sotto a Rins e Marquez, niente da fare per Vazquez con la Mahindra che fuma vistosamente dal posteriore. La regia Dorna doverosamente indugia sul confronto che vale la vittoria e premia Alex Rins, al tezo centro stagionale sul compagno di squadra Alex Marquez e Maverick Vinales, Luis Salom quinto conserva la leadership mentre Romano Fenati è 9° in rimonta con Matteo Ferrari 16°, Niccolò Antonelli 16° e Alessandro Tonucci costretto alla resa.

Moto3 World Championship 2013
Indianapolis Motor Speedway, Classifica Gara

01- Alex Rins – Team Estrella Galicia 0,0 – KTM RC 250 GP – 23 giri in 41’37.200
02- Alex Marquez – Team Estrella Galicia 0,0 – KTM RC 250 GP – + 0.177
03- Maverick Vinales – Team Calvo – KTM RC 250 GP – + 1.076
04- Jonas Folger – MAPFRE Aspar Team Moto3 – KALEX KTM – + 8.638
05- Luis Salom – Red Bull KTM Ajo – KTM RC 250 GP – + 9.261
06- Arthur Sissis – Red Bull KTM Ajo – KTM RC 250 GP – + 14.439
07- Zulfahmi Khairuddin – Red Bull KTM Ajo – KTM RC 250 GP – + 18.602
08- Miguel Oliveira – Mahindra Racing – Mahindra MGP3O – + 21.067
09- Romano Fenati – San Carlo Team Italia – FTR Honda M313 – + 21.132
10- Jakub Kornfeil – Redox RW Racing GP – KALEX KTM – + 21.867
11- Niklas Ajo – Avant Tecno – KTM RC 250 GP – + 27.018
12- Alexis Masbou – Ongetta Rivacold – FTR Honda M313 – + 27.181
13- Alan Techer – CIP Moto3 – TSR3C Honda – + 27.863
14- Livio Loi – Marc VDS Racing Team – KALEX KTM – + 32.656
15- Matteo Ferrari – Ongetta Centro Seta – FTR Honda M313 – + 41.588
16- Niccolò Antonelli – GO&FUN Gresini Moto3 – FTR Honda M313 – + 41.851
17- Ana Carrasco – Team Calvo – KTM RC 250 R – + 55.272
18- Florian Alt – Kiefer Racing – KALEX KTM – + 55.346
19- Philipp Öttl – Tec Interwetten Moto3 Racing – KALEX KTM – + 55.351
20- John McPhee – Caretta Technology RTG – FTR Honda M313 – + 55.742
21- Jules Danilo – Ambrogio Racing – Suter Honda MMX3 – + 1’11.156

Alessio Piana (Twitter: @AlessioPiana130)

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

rins motogp

MotoGP: Alex Rins, finalmente il podio! Con ‘saluto’ e dedica a Luis Salom

marini moto2

Moto2, Luca Marini vince ancora: “Lowes molto veloce, poi la gomma è calata…”

MotoGP, Fabio Quartararo in Catalunya

MotoGP, Fabio Quartararo in stile Gomorra: “La mia vittoria più bella”