Moto3: il mondiale al TT Circuit di Assen per il settimo round

Confronto tra Vinales e Cortese per la leadership

25 giugno 2012 - 1:14

Ad 1/3 dell’inaugurale prima stagione di attività, il mondiale Moto3 si appresta ad affrontare il settimo round 2012 al TT Circuit Van Drenthe di Assen, (ex) cattedrale del motociclismo, tradizionale meta della serie iridata sin dagli albori del Motomondiale. Per la prima volta in 82 anni di storia, il Dutch TT ospiterà le monociclindriche 250cc 4 tempi con una situazione delineata in classifica, con la prospettiva di assistere ad un nuovo capitolo dell’ormai celebre duello tra Maverick Vinales (FTR Honda M312 del Blusens Avintia ex-BQR) e Sandro Cortese (KTM M32 ufficiale del Red Bull KTM Ajo Factory Team), menzionati in rigoroso ordine di classifica. “Mack” comprensibilmente sarà il favorito sulla carta per la vittoria sabato in gara, forte della “doppietta” conseguita tra Barcellona e Silverstone, sufficiente per scalare la graduatoria e proiettarsi nella seconda parte della stagione da nuovo leader, seppur con soli 2 punticini di margine nei confronti del rivale. Inoltre, precedente da non dimenticare, Maverick Vinales vinse proprio ad Assen lo scorso anno una delle sue quattro gare all’esordio nel mondiale 125 GP, dando vita alla sua solita strategia: attendista nei primi giri, in fuga al momento decisivo della contesa.

Con queste premesse, e con una FTR Honda oggettivamente Moto3 di riferimento su scala internazionale, Sandro Cortese sarà chiamato ad una prova convincente al TT Circuit Van Drenthe, sfruttando la disponibilità di un nuovo telaio KTM portato all’esordio in occasione del GP di Barcellona. Come Vinales, anche il pilota tedesco vanta trascorsi favorevoli ad Assen: nel 2009 celebrò la conquista della sua prima pole position in carriera nel Motomondiale, mentre lo scorso anno dopo promettenti qualifiche (3°) concluse al quarto posto in una gara interrotta anzitempo per la pioggia. Se tutto sembra portare all’ennesimo duello tra Vinales e Cortese, non si può sottovalutare il potenziale di Luis Salom, 3° in classifica con la KALEX-KTM del RW Racing GP (formazione “di casa” ad Assen), tra le note positive di questa prima parte della stagione. Il pilota maiorchino, 2° lo scorso anno al primo podio in carriera, punta a ripetersi insieme ad una vasta schiera di attesi protagonisti: da Miguel Oliveira (Suter Honda del Monlau Competicion, dal rendimento altalenante), il vincitore di Le Mans e sempre più convincente tra le Moto3 Louis Rossi (FTR Honda del Racing Team Germany), più i piloti KTM-Ajo Danny Kent (in evidenza a Silverstone) e Zulfahmi Khairuddin (che sorpresa quest’anno!) e Alexis Masbou, capace di condurre la Honda NSF250R “standard” del Caretta Technology a ridosso del podio negli ultimi round.

Assen può rappresentare un’occasione importante di ben figurare anche per i nostri portabandiera, a cominciare da Romano Fenati lontano dal podio giusto dalla strepitosa vittoria conseguita a Jerez, ma pur sempre leader (e con vantaggio) nella classifica “Rookie” e 4° assoluto nel mondiale. “Fenny” non ha mai corso in carriera ad Assen, al contrario degli altri quattro piloti italiani al via della “entry class”: Niccolò Antonelli (trascorsi nella Rookies Cup, 9° in campionato con la FTR Honda del team Gresini), Alessandro Tonucci (sfortunato a Silverstone su FTR Honda del Team Italia FMI), con Simone Grotzkyj Giorgi (Suter Honda del World Wide Race) e Luigi Morciano (Ioda TR002) a caccia dei punti punti stagionali. Punti.. di sutura invece per due giovani talenti e campioni nazionali (di Spagna e Germania) in carica come Alex Rins e Jack Miller, infortunatisi nell’ultimo round a Silverstone (due dita fratturate per il pupillo di Alzamora, clavicola sinistra KO per l’australiano), ma confermati al via di Assen insieme a due wild card locali: il campione olandese in carica Bryan Schouten (Honda del Dutch Racing Team) e Julian Miralles, al ritorno nel mondiale dopo 4 anni di assenza in sella alla sperimentale MIR Racing Moto3 sviluppata su base telaistica Aprilia RSA 125 e propulsore Honda NSF250R. Moto3 World Championship 2012 La Classifica dopo i primi 6 round 01- Maverick Vinales – Blusens Avintia – FTR Honda M312 – 105 02- Sandro Cortese – Red Bull KTM Ajo Factory Team – KTM M32 – 103 03- Luis Salom – RW Racing GP – KALEX KTM – 75 04- Romano Fenati – Team Italia FMI – FTR Honda M312 – 61 05- Louis Rossi – Racing Team Germany – FTR Honda M312 – 45 06- Alex Rins – Team Estrella Galicia 0,0 – Suter Honda MMX3 – 44 07- Zulfahmi Khairuddin – AirAsia SIC Ajo – KTM M32 – 44 08- Alexis Masbou – Caretta Technology – Honda NSF250R – 42 09- Niccolò Antonelli – San Carlo Gresini Moto3 – FTR Honda M312 – 38 10- Alberto Moncayo – BANKIA Aspar Team – KALEX KTM – 36 11- Miguel Oliveira – Team Estrella Galicia 0,0 – Suter Honda MMX3 – 33 12- Arthur Sissis – Red Bull KTM Ajo Factory Team – KTM M32 – 31 13- Hector Faubel – BANKIA Aspar Team – KALEX KTM – 28 14- Danny Kent – Red Bull KTM Ajo Factory Team – KTM M32 – 26 15- Efren Vazquez – JHK T-Shirt LaGlisse – FTR Honda M312 – 22 16- Alan Techer – Technomag CIP TSR – TSR3 Honda – 18 17- Jakub Kornfeil – Redox Ongetta Centro Seta – FTR Honda M312 – 17 18- Alex Marquez – Team Estrella Galicia 0,0 – Suter Honda MMX3 – 15 19- Ivan Moreno – Andalucia JHK LaGlisse – FTR Honda M312 – 10 20- Jasper Iwema – MOTO FGR – MOTO FGR 3 Honda – 9 21- Giulian Pedone – Ambrogio NEXT Racing – Suter Honda MMX3 – 7 22- Alessandro Tonucci – Team Italia FMI – FTR Honda M312 – 7 23- Niklas Ajo – TT Motion Events Racing – KTM M32 – 6 24- Jonas Folger – Iodaracing Project – Ioda TR002 – 5 25- Brad Binder – RW Racing GP – KALEX KTM – 5 26- Marcel Schrotter – Mahindra Racing – Mahindra MGP3O – 4 27- Kevin Hanus – Thomas Sabo GP Team – Honda NSF250R – 3 28- Jack Miller – Caretta Technology – Honda NSF250R – 1 Alessio Piana (Twitter: @AlessioPiana130)

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Alberto Puig team manager HRC

MotoGP, Alberto Puig: “I Marquez sono piloti, non vedo fratelli”

Alex Marquez

MotoGP, ufficiale: Alex Marquez firma con Repsol Honda

Danilo Petrucci MotoGP 2019

MotoGP, Danilo Petrucci esausto: “Non mi sono mai fermato”