Moto3: conclusi i test privati KTM e KALEX a Valencia

Anche Cortese e Kent con la KTM, Salom con la KALEX

2 dicembre 2011 - 3:20

Con sei piloti in pista si sono conclusi i test privati di KTM e KALEX Engineering all’Autodromo Ricardo Tormo di Valencia in vista della prima, storica stagione del mondiale Moto3. Con la KTM M32 ufficiale hanno preso parte all’ultima giornata di attività il tester KTM Racing Joan Olive, ma anche due dei cinque piloti che correranno sotto le insegne dell’Ajo Motorsport, Sandro Cortese (di ritorno con la compagine finlandese) e l’ex vice-campione della Red Bull MotoGP Rookies Cup Danny Kent. I due piloti che vestiranno i colori Red Bull KTM hanno percorso soltanto qualche giro per farsi un’idea della Moto3, rimandando al mese di gennaio il primo vero test con la M32 realizzata dai tecnici di Mattighofen. Discorso diverso per il team Aspar che ha portato in pista soltanto una KALEX motorizzata KTM 250cc 4 tempi. Aspettando le prossime prove del 19-20 dicembre, Hector Faubel ed il nuovo acquisto Alberto Moncayo hanno completato complessivamente 30 tornate del circuito di Cheste, il tutto con pneumatici Dunlop realizzati per le 125cc 2 tempi.

Chi ha girato invece con maggior regolarità è stato Luis Salom, portacolori del RW Racing GP, in grado di viaggiare sull’1’43″3 con l’unica KALEX-KTM a disposizione (tanto che il secondo pilota della compagine olandese, Brad Binder, non era presente a Valencia). Il maiorchino si è detto sorpreso del potenziale della Moto3, soddisfatto della ciclistica e del propulsore KTM 250cc 4 tempi, tanto da replicare la medesima top speed conseguita a Valencia con la Aprilia RSA 125. RW Racing GP, con l’ex pilota Johan Stigefelt (“Stiggy”) nuovo team manager, tornerà in pista a gennaio questa volta con due KALEX-KTM.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Phillip Island Circuit

MotoGP Phillip Island: orari TV SKY, TV8 e streaming

Marc Marquez e Mick Doohan

MotoGP, Marc Marquez a Phillip Island per un altro storico record

Johann Zarco

MotoGP, il ritorno di Johann Zarco: tanti dubbi sul futuro