Moto3 Brno Gara: stoica, eroica vittoria di Luis Salom

Da infortunato vince a Brno e rafforza la leadership

25 agosto 2013 - 11:24

Frattura al tallone sinistro con interessamento dei legamenti e, come se non bastasse, distorsione al piede e caviglia, conseguenza di uno spaventoso volo nelle qualifiche ufficiali di settimana scorsa a Indianapolis. Salendo in sella alla propria KTM soltanto con l’ausilio di una stampella rischiando di finire domani sotto i ferri, oggi all’Automotodrom di Brno con grinta, determinazione, talento e forza di volontà uno stoico, eroico Luis Salom ha conquistato una vittoria da collocare alla voce di “impresa”. Da un plotoncino di cinque piloti in piena corsa per il gradino più alto del podio, il “Mexicano” ne è uscito vincitore per la più significativa ed importante vittoria tra le cinque conseguite in questa stagione, sette in carriera nell’ultimo biennio di militanza nel mondiale Moto3.

Sensazionale, emozionante impresa del maiorchino alfiere del Red Bull KTM Ajo Factory Team e principale artefice del salto di qualità prestazionale della missilistica KTM RC 250 GP ufficiale (a proposito, sono 18 le vittorie consecutive per i piloti “Powered by Mattighofen” nella entry class), un successo che gli permette di battere il suo più diretto avversario nella corsa al titolo Maverick Vinales, nuovamente secondo in gara ed in campionato scontando ora 14 lunghezze di svantaggio dalla vetta. Occasione mancata per “Mack”, altrettanto per il mattatore delle prove Alex Rins, giù dal podio a seguito di un duello fratricida con il proprio compagno di squadra al Monlau Competición Alex Marquez, rispettivamente quarto e quinto lasciando a Jonas Folger la gioia del secondo podio stagionale dopo Jerez.

Se i piloti KTM hanno monopolizzato la scena, Alexis Masbou porta la FTR Honda M313 preparata dal CBC Corse al sesto posto assoluto, miglior “Hondista” in graduatoria a precedere Jack Miller, settimo a soli 7 giorni dalla frattura alla clavicola destra rimediata a Indy. Gli italiani? Due a punti: Niccolò Antonelli è 10°, Alessandro Tonucci chiude 12°, più staccati Romano Fenati (18°), Matteo Ferrari (20°), Andrea Migno (26°) e Francesco Bagnaia (28°) mentre Lorenzo Baldassarri è incappato in una scivolata.

Cronaca di Gara

Allo spegnimento del semaforo Miller dalla seconda fila scatta benissimo, ancor più là davanti Maverick Vinales che conquista la leadership su Alex Rins, ma entrambi vengono sorpresi alla staccata della curva 4 da uno stoico Luis Salom. Il maiorchino riuscirà a chiudere il primo giro in testa su Vinales, Rins, Marquez, Folger, Miller e Masbou, Antonelli dodicesimo pecede Tonucci, fuori dai giochi per una scivolata invece Niklas Ajo con Isaac Vinales fermato da un problema alla propria FTR Honda. Al secondo giro prevedibilmente Rins decide di rompere gli indugi e, grazie ad un doppio-sorpasso, portarsi in testa, ben figura anche il proprio compagno di squadra Marquez che si colloca in terza posizione. Nelle prime fasi di gara si forma ben presto un gruppo di otto piloti di testa con Rins, Vinales, Marquez, Salom, Folger e le tre FTR Honda condotte da Miller, McPhee e Masbou, a oltre 3″ in bagarre per la nona posizione si evidenzia l’idolo di casa Jakub Kornfeil braccato da Oliveira e Niccolò Antonelli, undicesimo e primo tra i piloti italiani.

La gara è in puro “stile Moto3”: serie infinita di sorpassi e controsorpassi impossibile da raccontare con i vari “gruppi” lungo il percorso che viaggiano sugli stessi tempi. Sul 2’09” con puntate sul 2’08” Rins, Vinales, Marquez, Salom, Folger e Masbou si giocano podio e vittoria, sul 2’10” il plotoncino formato da Oliveira, Kornfeil, Vazquez ed il nostro Antonelli sono a caccia del 9° posto, più staccati gli altri inseguitori con Tonucci e Fenati a caccia di punti importanti per la classifica. Un traguardo che sfugge a Lorenzo Baldassari e Brad Binder, a terra in contemporanea alla curva 4, è costretto invece al ritiro Juanfran Guevara per un problema tecnico alla propria TSR3C Honda. Si arriva in un lampo al “rush finale” della contesa con i sei piloti di testa scatenati a cominciare da uno stoico Luis Salom, autore di un sensazionale doppio sorpasso alla curva 3 che vale la leadership a scapito della coppia KTM Monlau formata da Rins e Marquez. Un bel modo per presentasi in testa con più soltanto 3 tornate del Masaryk Circuit da percorrere, anche se Rins e Vinales più Marquez e Folger restano, come si suol dire, “a ruota”.

I cinque piloti “Powered by KTM” danno vita alle scorribande per la vittoria: al penultimo giro si porta in testa Marquez alla solita staccata della curva 3, allo “Stadion” Salom infila Vinales ripresentandosi in terza posizione arrivando ad un soffio dal contatto. Marquez, Rins, Salom, Vinales e Folger, con quest’ordine inizia il 19esimo e ultimo giro della contesa: come accaduto due tornate precedenti Salom forza l’attacco alla curva 3, ci rimette Rins che lascia due posizioni rischiando persino il contatto con il proprio compagno di squadra Marquez, ora apparentemente l’unico a poter insidiare il maiorchino. Con un gran gioco di squadra, ci rimettono infatti entrambi non soltanto consegnando a Luis Salom una vittoria senza precedenti, ma anche le restanti due posizioni sul podio a Vinales e Folger dopo un clamoroso rischio di contatto nel rettilineo che porta verso la “Horizont”. Vince così Salom che rafforza la propria leadership in campionato, Vinales secondo precede Folger, giù dal podio Rins e Marquez con Antonelli e Tonucci gli unici italiani a punti.

Moto3 World Championship 2013
Automotodrom Brno, Classifica Gara

01- Luis Salom – Red Bull KTM Ajo – KTM RC 250 GP – 19 giri in 34’31.612
02- Maverick Vinales – Team Calvo – KTM RC 250 GP – + 0.507
03- Jonas Folger – MAPFRE Aspar Team Moto3 – KALEX KTM – + 1.015
04- Alex Rins – Team Estrella Galicia 0,0 – KTM RC 250 GP – + 1.081
05- Alex Marquez – Team Estrella Galicia 0,0 – KTM RC 250 GP – + 1.240
06- Alexis Masbou – Ongetta Rivacold – FTR Honda M313 – + 4.787
07- Jack Miller – Caretta Technology RTG – FTR Honda M313 – + 17.638
08- Jakub Kornfeil – Redox RW Racing GP – KALEX KTM – + 21.380
09- Miguel Oliveira – Mahindra Racing – Mahindra MGP3O – + 21.404
10- Niccolò Antonelli – GO&FUN Gresini Moto3 – FTR Honda M313 – + 21.516
11- Efren Vazquez – Mahindra Racing – Mahindra MGP3O – + 21.779
12- Alessandro Tonucci – La Fonte Tascaracing – FTR Honda M313 – + 22.654
13- John McPhee – Caretta Technology RTG – FTR Honda M313 – + 24.037
14- Arthur Sissis – Red Bull KTM Ajo – FTR Honda M313 – + 31.044
15- Zulfahmi Khairuddin – Red Bull KTM Ajo – FTR Honda M313 – + 39.198
16- Jasper Iwema – RW Racing GP – KALEX KTM – + 39.267
17- Philipp Öttl – Tec Interwetten Moto3 Racing – KALEX KTM – + 39.541
18- Romano Fenati – San Carlo Team Italia – FTR Honda M313 – + 39.620
19- Alan Techer – CIP Moto3 – TSR3C Honda – + 39.795
20- Matteo Ferrari – Ongetta Centro Seta – FTR Honda M313 – + 39.890
21- Livio Loi – Marc VDS Racing Team – KALEX KTM – + 39.947
22- Eric Granado – MAPFRE Aspar Team Moto3 – KALEX KTM – + 40.111
23- Ana Carrasco – Team Calvo – KTM RC 250 R – + 45.275
24- Jules Danilo – Marc VDS Racing Team – KALEX KTM – + 45.436
25- Toni Finsterbusch – Kiefer Racing – KALEX KTM – + 45.631
26- Andrea Migno – GMT Racing – FTR Honda M312 – + 48.727
27- Florian Alt – Kiefer Racing – KALEX KTM – + 49.315
28- Francesco Bagnaia – San Carlo Team Italia – FTR Honda M313 – + 49.348
29- Hyuga Watanabe – La Fonte Tascaracing – FTR Honda M313 – + 1’06.151
30- Luca Amato – Ambrogio Racing – Suter Honda MMX3 – + 1’27.089

Alessio Piana (Twitter: @AlessioPiana130)

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Morbidelli: “Valentino Rossi ed io stessi problemi”

Moto2: Meno squadre e piloti nella categoria intermedia per il 2020?

Jorge Lorenzo-Ducati: Paolo Ciabatti mette a nudo il divorzio