Moto2: wild card e sostituti per il Gran Premio d’Australia

Alex Cudlin con la BQR, Wayne Maxwell con Matteoni

13 ottobre 2010 - 1:57

Oltre ad Anthony West con la MZ a Phillip Island ci saranno altri due piloti australiani al via della Moto2 a Phillip Island. Il primo è Alex Cudlin, iscritto come wild card dal team Blusens STX con la terza BQR: un’avventura promossa proprio da Mashel Al Naimi, pilota titolare della squadra iberica, che ha corso insieme a Cudlin nel Mondiale Endurance tra le Superstock con il Qatar Endurance Racing Team.

Se a Losail è stata data un’occasione al francese Anthony Delhalle, a Phillip Island sarà la volta di Alex Cudlin che ha preso confidenza con le 600cc (che non guida dal 2007) in questi giorni, girando proprio sul tracciato australiano con una Yamaha R6.

Alex Cudlin, fratello di Damian che ha vinto il titolo IDM Supersport concludendo 7° con la Kalex Pons al Sachsenring, ha corso nell’Endurance prima con Phase One Yamaha (squadra iridata nel 2003) raggiungendo il QERT nel 2009, vincendo tra le Superstock quest’anno a Le Mans.

Oltre a lui a Phillip Island è atteso al via Wayne Maxwell, sostituto di Ferruccio Lamborghini (impegnato nell’ultima prova del CIV Supersport al Mugello dove può vincere il campionato) con la Moriwaki del Matteoni Racing. Ventisette anni, Maxwell da tre anni è pilota Honda nell’Australian Superbike, in questa stagione con il team G.A.S. Racing.

A Phillip Island Maxwell è uno dei piloti più veloce in assoluto, basti pensare che quest’anno ha vinto 3 delle 4 gare disputate dall’Australian Superbike sul circuito di Victoria dove, nel 2009, arrivò vicinissimo alla conquista del titolo nazionale prima di una caduta e conseguente infortunio.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi: “In Honda pensavano che fossi pazzo”

Paddock MotoGP a Jerez

MotoGP, calendario in arrivo: ammessi altri 5 membri per team

Marc Marquez, Fabio Quartararo e Jack Miller

MotoGP, l’ondata Fabio Quartararo sul mercato: tutti cercano l’anti-Marquez