Moto2: Wilairot migliora, almeno 1 mese per il recupero

Le ultime sullo sfortunato pilota thailandese

9 dicembre 2010 - 3:48

Ratthapark Wilairot migliora giorno dopo giorno al reparto di terapia intensiva del Bamrungrad Hospital di Bangkok, da dove sono giunte notizie particolarmente confortanti, quanto basta per prospettare tempi di recupero estremamente ridotti: non più le 6 settimane previste in precedenza, bensì poco più di un mese.

Eduardo Perales, titolare del SAG Team che fa correre dal 2008 “Feem” nel Motomondiale tra 250cc e Moto2, ha raggiunto il proprio pilota a Bangkok. Stando al comunicato rilasciato dal Stop and Go Racing Team, Wilairot ha parzialmente aperto l’occhio sinistro e le condizioni sono in netto miglioramento.

Per i medici del Bamrungrad Hospital di Bangkok, Dottor Motril in primis, Wilairot resterà ancora una settimana al reparto di terapia intensiva, ovvero fino a quando riprenderà a respirare (e parlare) senza problemi. Per il momento si esprime a gesti e dal racconto emerso da Eduardo Perales, Ratthapark non ricorda nulla dell’incidente notturno dove ha perso la vita un suo amico, conducente della moto.

Dai rilevamenti l’impatto è stato violentissimo: Wilairot è stato sbalzato dalla moto ad una distanza di 20 metri, sbattendo il capo e perdendo subito conoscenza.

La famiglia Wilairot, in lutto per la recente morte del padre (con i funerali posticipati proprio per assistere Ratthapark), il team SAG e Honda Thai continueranno ad aggiornare i media sui progressi di “Feem”, ringraziando tutti per il supporto mostrato in questo periodo, sperando di rivederlo presto in pista in previsione della Moto2 2011, dove correrà sempre con i colori Thai Honda PTT Singha SAG probabilmente con telaio FTR.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Enea Bastianini e Ruben Xaus

MotoGP, il budget fa il gap: Enea Bastianini stile Robin Hood

MotoGP, Marc Marquez a Misano

MotoGP, Honda-revolution: Marquez apre la strada, Espargarò in bilico

Superbike, Toprak Razgatlioglu

MotoGP, Toprak Razgatlioglu pronto per un test con la Yamaha