Moto2, Test Jerez II: Lowes e Lecuona brillano nella seconda giornata

Il duo Swiss Innovative Investors chiude il mercoledì di prove ufficiali in testa. Brad Binder completa una top 3 tutta KTM davanti a Francesco Bagnaia 4°.

7 marzo 2018 - 17:36

Svettano le KTM in questa seconda giornata di test sul circuito andaluso: Sam Lowes e Iker Lecuona, gli unici ad abbattere il muro di 1:42, aprono una classifica che vede al terzo posto un altro pilota del costruttore austriaco, vale a dire Brad Binder, mentre il dominatore della prima giornata Francesco Bagnaia stampa il quarto tempo finale. Domani terza ed ultima giornata di test per i piloti della categoria intermedia, prima dell’inizio della nuova stagione.

La seconda giornata di test a Jerez ci conferma quando già visto alla fine della scorsa stagione: KTM è pronta a lottare con KALEX e lo sta dimostrando fin da queste prove ufficiali, che nella prima sessione vedono Iker Lecuona 1° davanti a Francesco Bagnaia e Alex Marquez, ovvero i due maggiori candidati per la lotta al titolo 2018. La situazione non cambia nel corso del secondo turno, con Sam Lowes che questa volta prende il comando grazie ad un 1:41.823, staccando di appena un decimo il compagno di squadra, mentre in terza piazza ecco un ottimo Brad Binder a precedere Bagnaia. La terza ed ultima sessione odierna vede invece in testa il pilota Sky Racing Team VR46 (con un tempo identico a quello stampato dal campione Moto3 2016 nel turno precedente), seguito da Xavi Vierge, Lowes e Marquez.

Nessuno però riesce ad eguagliare quanto fatto dal duo Swiss Innovative Inverstors, che così assieme a Brad Binder ‘ruba la scena’ a due dei protagonisti dei test ufficiali fino a questo momento, vale a dire Bagnaia e Marquez, divisi in classifica combinata da un ottimo Vierge. Da sottolineare anche il settimo posto di Romano Fenati, all’esordio nella categoria intermedia e che precede la KTM di Miguel Oliveira, mentre chiudono la top ten Mattia Pasini e Luca Marini.

La classifica combinata

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Danilo Petrucci: “Dovi ed io diamo il massimo, ma non basta”

MotoE, Aki Ajo: “L’intensità della competizione è stata una rivelazione”

Carlo Pernat: “La MotoGP ha bisogno di Valentino Rossi”