Moto2 Silverstone Gara: Cluzel vince una corsa da brivido

Batte in volata Luthi, scivola nel finale Claudio Corti

20 giugno 2010 - 9:17

Questa è la Moto2. A Silverstone la nuova categoria, che ha mandato in pensione dopo 60 anni di storia la 250cc 2 tempi, ha esaltato il pubblico presente proponendo sul gradino più alto del podio per la prima volta in carriera Jules Cluzel. Il pilota francese, già protagonista lo scorso anno con una Aprilia “LE” del team Matteoni, ha saputo giocarsi al meglio le proprie carte cogliendo la palla al balzo dell’errore all’ultimo giro di Thomas Luthi, a tratti il più veloce in pista, autore di una piccola incertezza alla variante “Club” che ha consentito al rivale di celebrare la prima affermazione nel Motomondiale.

Successo per Cluzel, lo ricordiamo sul podio a Losail ed in testa a Le Mans, prima affermazione anche per il Forward Racing nato dall’esperienza in MotoGP 2009 sotto le insegne del team Hayate, che dispone di due ottime Suter MMX e di due piloti di sicuro talento. Oltre a Cluzel c’è naturalmente Claudio Corti, grande protagonista a Silverstone, scivolato a due giri dalla fine perdendo l’anteriore alla “Club”: in quel momento era secondo proprio davanti al team-mate, all’inseguimento di Luthi.

Amarezza per il comasco che non pregiudica l’ottimo week-end disputato a Silverstone, proponendosi legittimamente tra i protagonisti della categoria. Torna in corsa per il campionato invece Thomas Luthi, a sua volta deluso per il successo sfumato in volata per un proprio errori, altrettanto si può dire di Julian Simon terzo che ha resistito su Scott Redding, davvero eccezionale nella personale rimonta sul circuito di casa con un’altra Suter, ma schierata dal Marc VDS Racing Team.

I piloti sul podio riducono il gap in classifica vedendo i diretti antagonisti per il campionato indietro: Shoya Tomizawa è 6°, Toni Elias 10° grazie a diverse scivolate (con anche Alex Baldolini purtroppo in questo elenco insieme allo spettacolare Yonny Hernandez dopo un’ottima prestazione), chiude 12° Andrea Iannone a seguito di un weekend difficile. Buttato a terra al secondo giro Simone Corsi, giunto al contatto con un arrembante Stefan Bradl: gara conclusa e punti preziosi persi per strada. Nella spettacolare corsa della Moto2 si sono inoltre evidenziati piloti come Xavier Simeon, alla terza gara e già in grado di chiudere 8° con la Moriwaki Holiday Gym in bagarre con Mike Di Meglio e Dominique Aegerter, mentre ha soltanto sfiorato la zona punti Niccolò Canepa in recupero con l’unica Scot Force GP210 presente a seguito dell’infortunio di Alex De Angelis: lo rivedremo in pista ad Assen tra poco più di 4 giorni.

Cronaca di Gara

Allo spegnimento del semaforo Cluzel ha lo spunto migliore con Corti che si riprende subito la testa della classifica, terzo è Simon, a seguire Hernandez, Nieto (sempre eccezionali le sue partenze), Simeon, Tomizawa e Baldolini. Hernandez con la BQR si fa notare per un’imbarcata fuori dal comune perdendo tre posizioni, aprendo oltretutto le porte a Tomizawa migliore dei piloti in lizza per il titolo: Corsi è 12°, Elias addirittura 20°. Nessun stravolgimento nel corso del primo giro, purtroppo giungono al contatto alla Variante “Club” Stefan Bradl ed il nostro Simone Corsi costretto al ritiro: brutto colpo per la classifica di campionato.

Sorpresa al comando dove Fonsi Nieto si fa largo nei confronti delle Suter Forward Racing di Corti e Cluzel, seguono a ruota Simeon e Simon, quintetto con leggero margine nei confronti degli inseguitori. Prevedibilmente fantastica e spettacolare la Moto2 sul circuito Arena GP di Silverstone, specie se il gruppetto al seguito dei primi recupera in fretta lo svantaggio con 12 piloti adesso in fila indiana compresi in 2″. Simon prova a rompere gli indugi nel corso del 4° passaggio e prende il comando su Cluzel, Simeon, Corti, Tomizawa e tutti gli altri con Scott Redding velocissimo in rimonta dopo una brutta partenza.

Un pò di selezione avviene nel corso del 6° giro con Simon, Cluzel e Corti che mettono quasi 2″ nei confronti degli altri piloti a causa di numerosi contatti con scatenati tra gli altri Hernandez, Simeon, Debon e soprattutto Scott Redding che realizza un sorpasso impossibile all’esterno della “Abbey” per la 4° posizione. Si arriva al giro di boa della contesa con Cluzel su Corti e Simon, più staccati Redding, Debon, Tomizawa e Luthi il più veloce in pista tra i 38 piloti rimasti in gara. In zona punti anche Alex Baldolini, 13°, mentre Toni Elias è 15° per un week-end davvero da dimenticare per il capoclassifica di campionato.

Nell’ultima fase di gara prevedibilmente Luthi e Redding riagganciano i tre fuggitivi proponendo una lotta a cinque per la vittoria, con il pronostico impossibile. A tre giri dalla bandiera a scacchi, mentre escono di scena Talmacsi e Pasini, Luthi prende la leadership con i due piloti Forward Racing che si infastidiscono un pò. Il risultato? A -2 Cladio Corti scivola alla variante “Club” quando era in seconda posizione, lasciando un pò di margine al leader della corsa.

Luthi però sbaglia nel medesimo punto all’ultimo giro, apre la porta a Cluzel che riesce a resistere vincendo la sua prima gara in carriera. Sul podio Julian Simon, quarto Scott Redding con a seguire Debon, Tomizawa, Di Meglio, Simeon, Aegerter ed Elias 10° complici le scivolate all’ultimo giro di Baldolini ed Hernandez. Bella rimonta di Iannone, 12°, sfiora la zona punti Canepa con il 16° posto.

Moto2 World Championship 2010
Silverstone, Classifica Gara

01- Jules Cluzel – Forward Racing – Suter MMX – 18 giri in 39’19.472
02- Thomas Luthi – Interwetten Moriwaki Moto2 – Moriwaki MD600 – + 0.057
03- Julian Simon – Mapfre Aspar Team – Suter MMX – + 0.322
04- Scott Redding – Marc VDS Racing Team – Suter MMX – + 0.520
05- Alex Debon – Aeroport de Castello Ajo – FTR Moto M210 – + 5.271
06- Shoya Tomizawa – Technomag CIP – Suter MMX – + 5.377
07- Mike Di Meglio – Mapfre Aspar Team – Suter MMX – + 5.484
08- Xavier Simeon – Holiday Gym G22 – Moriwaki MD600 – + 5.709
09- Dominique Aegerter – Technomag CIP – Suter MMX – + 10.240
10- Toni Elias – Gresini Racing Moto2 – Moriwaki MD600 – + 10.411
11- Fonsi Nieto – Holiday Gym G22 – Moriwaki MD600 – + 10.701
12- Andrea Iannone – Fimmco Speed Up – Speed Up S-10 – + 10.741
13- Ratthapark Wilairot – Thai Honda PTT Singha SAG – Bimota HB4 – + 10.959
14- Arne Tode – Racing Team Germany – Suter MMX – + 16.062
15- Sergio Gadea – Tenerife 40 Pons – Kalex Moto2 – + 16.161
16- Niccolò Canepa – RSM Team Scot – Scot Force GP210 – + 24.118
17- Anthony West – MZ Racing Team – MZ RE Honda – + 29.563
18- Yuki Takahashi – Tech 3 Racing – Tech 3 Mistral 610 – + 29.952
19- Vladimir Ivanov – Gresini Racing Moto2 – Moriwaki MD600 – + 30.218
20- Lukas Pesek – Matteoni CP Racing – Moriwaki MD600 – + 31.289
21- Kenny Noyes – Jack & Jones by Antonio Banderas – Harris Promoracing – + 31.423
22- Kev Coghlan – Monlau Joey Darcey – FTR Moto M210 – + 31.715
23- Axel Pons – Tenerife 40 Pons – Kalex Moto2 – + 31.819
24- Roberto Rolfo – Italtrans S.T.R. – Suter MMX – + 35.447
25- Bernat Martinez – Maquinza SAG Team – Bimota HB4 – + 35.851
26- Valentin Debise – WTR San Marino Team – ADV AT02 – + 42.924
27- Robertino Pietri – Italtrans S.T.R. – Suter MMX – + 51.566
28- Raffaele De Rosa – Tech 3 Racing – Tech 3 Mistral 610 – + 56.529
29- Vladimir Leonov – Vector Kiefer Racing – Suter MMX – + 58.361
30- Claudio Corti – Forward Racing – Suter MMX – + 1’18.671

Alessio Piana

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, tecnica: I 4 anni di sviluppo KTM prima della vittoria (1/2)

MotoGP, Andrea Iannone

MotoGP, Andrea Iannone a rischio: sentenza ad ottobre?

Moto2 Bastianini Marini

Moto2, Austria: Bastianini-Marini, dal botto 2019 alla lotta al vertice 2020