Moto2 Phillip Island Gara: vince Espargaro, Marquez Campione

Dominio di Polyccio, ma non basta per il mondiale

28 ottobre 2012 - 3:06

Se vogliamo con un anno di ritardo, gran giorno di Marc Marquez è finalmente arrivato. Grazie al terzo posto conseguito nell’odierna gara al Phillip Island Grand Prix Circuit, il nuovo fenomeno del motociclismo si laurea Campione del Mondo Moto2 2012, il secondo titolo iridato in carriera dopo il trionfo del 2010 in 125cc, un bel biglietto da visita per presentarsi il 13 novembre prossimo all’Autodromo Ricardo Tormo di Valencia per il primo, atteso test con la Honda RC213V MotoGP ufficiale. Giunto in Australia con la possibilità di accontentarsi di un modesto 14° posto in gara, a dispetto di quanto accaduto a Sepang questa volta Marquez non ha commesso errori conquistando un titolo ampiamente meritato e legittimato dal confrontarsi con un rivale di talento e velocità come Pol Espargaro, mattatore del weekend sul tracciato di Victoria, imprendibile in gara tanto da viaggiare costantemente sotto il record della pista e sotto il muro dell’1’34”.

“Polyccio”, alla 9° vittoria in carriera e quarta stagionale dopo Jerez, Silverstone e Aragon, rimanda al 2013 i propositi ambiziosi per la vittoria in campionato pur con l’onore delle armi di essersi difeso con grinta e determinazione per tutto l’arco della stagione da Marc Marquez, connazionale e, per uno strano scherzo del destino, suo compagno di squadra nel 2004 in Spagna tra le PreGP 125. Festeggiano così Espargaro e Marquez, non da meno Anthony West che concretizza una bella rimonta portando per il secondo GP di fila la Speed Up del QMMF Racing Team (compagine della Federazione motociclistica qatariota finanziata dallo sceicco del Qatar) sul podio.

Non è stata invece una gara da ricordare per i nostri portabandiera: l’unico in zona punti è Simone Corsi, settimo con la FTR di Iodaracing Project, ha concluso 23° Alessandro Andreozzi, fuori dai giochi per la rottura del motore nel corso del quarto giro Andrea Iannone. Non ha preso parte alla corsa invece il sammarinese Alex De Angelis, caduto nei conclusivi minuti del turno unico di qualifiche ufficiali del sabato infortunandosi alla mano sinistra.

Cronaca di Gara

Allo start grande spunto di Marc Marquez, conquista l’hole-shot alla staccata della “Doohan”, ma al “Souther Loop” è Takaaki Nakagami a presentarsi in testa proprios u Marquez, Luthi, Espargaro, Redding, Zarco, Aegerter, ai margini della top-10 il nostro Iannone. Senza stravolgimenti va in archivio il primo giro con Marquez ed Espargaro che nell’ordine conquistano la prima e la terza posizione alla “Doohan Corner” con Zarco a ruota, deciso nel presentarsi davanti a Redding. Ben presto Pol Espargaro guadagna la seconda piazza al tornantino “MG”, la prima alla conclusione del secondo giro in pieno rettilineo facendo valere le doti velocistiche della propria Pons KALEX. In tre settori del Phillip Island Grand Prix Circuit concretizza il tentativo di fuga guadagnando qualcosa come 9/20 su Marquez, perfetta riproposizione dei valori in campo emersi dalle prove.

“Polyccio” prevedibilmente va in fuga con una serie di tornate sotto il muro dell’1’34”, a Marquez e Redding resta più soltanto la bagarre per il secondo posto. In questo contesto non vi fa parte Andrea Iannone, al quarto giro costretto al ritiro con una eloquente fumata che fuoriesce dalla propria Speed Up. Un protagonista in meno in gara, ma gran bagarre per il quarto posto con un folto gruppo di inseguitori capeggiato dall’idolo di casa Anthony West dove non manca Simone Corsi, attualmente 7° alle prese con i combattivi Aegerter, Rabat, Zarco, Nakagami, Kallio, Luthi e Krummenacher. Là davanti Pol Espargaro “fa un altro sport”, viaggia costantemente (e con un gran vantaggio) sotto il record della pista, quanto basta per portare a oltre 5″ il proprio margine su Scott Redding passato in seconda posizione a scapito di Marquez il quale potrebbe accontentarsi di questo risultato per laurearsi Campione del Mondo con una gara d’anticipo.

La corsa, oggettivamente, è soporifera: zero sorpasso, zero azione, provano a movimentare un pò la contesa Thomas Luthi (fuori gioco a 10 giri dal termine) ed Anthony West con l’idolo di casa in chiara rimonta nei confronti di Redding e Marquez rispettivamente in seconda e terza posizione. Il riaggancio arriva a 4 giri dal termine ed alla tornata seguente in piena “Doohan Corner” Ant passa Marquez, per il sorpasso che vale il secondo posto è costretto ad attendere l’ultimo giro ruscendoci all’Honda Hairpin a scapito di un remissivo Redding “beffato” persino in volata da Marquez. Vince così Espargaro, West è secondo, Marquez Campione del Mondo, unico italiano a punti Simone Corsi, 7° nonostante un contatto nel finale causato da Aegerter che ha provocato la caduta dell’incolpevole Mika Kallio.

Moto2 World Championship 2012
Phillip Island Grand Prix Circuit, Classifica Gara

01- Pol Espargaro – Tuenti Movil HP 40 – KALEX Moto2 – 25 giri in 39’26.486
02- Anthony West – QMMF Racing Team – Speed Up S12 – + 16.811
03- Marc Marquez – Team CatalunyaCaixa Repsol – Suter MMXII – + 16.837
04- Scott Redding – Marc VDS Racing Team – KALEX Moto2 – + 16.957
05- Dominique Aegerter – Technomag CIP – Suter MMXII – + 26.018
06- Johann Zarco – JiR Moto2 – MotoBI – + 26.028
07- Simone Corsi – CAME Iodaracing Project – FTR Moto M212 – + 26.091
08- Tito Rabat – Tuenti Movil HP 40 – KALEX Moto2 – + 26.372
09- Randy Krummenacher – GP Team Switzerland – KALEX Moto2 – + 26.474
10- Takaaki Nakagami – Italtrans Racing Team – KALEX Moto2 – + 26.580
11- Jordi Torres – MAPFRE Aspar Team Moto2 – Suter MMXII – + 36.520
12- Bradley Smith – Tech 3 Racing – Tech 3 Mistral 610 – + 36.565
13- Toni Elias – Italtrans Racing Team – KALEX Moto2 – + 36.870
14- Xavier Simeon – Tech 3 Racing – Tech 3 Mistral 610 – + 38.220
15- Mike Di Meglio – Kiefer Racing – KALEX Moto2 – + 44.350
16- Yuki Takahashi – NGM Mobile Forward Racing – FTR Moto M212 – + 48.586
17- Ricky Cardus – Arguiñano Racing Team – AJR Moto2 – + 48.763
18- Nico Terol – MAPFRE Aspar Team Moto2 – Suter MMXII – + 48.768
19- Ratthapark Wilairot – Thai Honda PTT Gresini Moto2 – Suter MMXII – + 52.487
20- Marcel Schrotter – Desguaces La Torre SAG – Bimota HB4 2012 – + 52.569
21- Gino Rea – Federal Oil Gresini Moto2 – Suter MMXII – + 52.707
22- Tomoyoshi Koyama – Technomag CIP – Suter MMXII – + 1’12.087
23- Alessandro Andreozzi – Speed Master Team – Speed Up S12 – + 1’21.455
24- Elena Rosell – QMMF Racing Team – Speed Up S12 – a 1 giro
25- Marco Colandrea – SAG Team – FTR Moto M211 – a 1 giro

Alessio Piana (Twitter: @AlessioPiana130)

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi e Danilo Petrucci

MotoGP, Valentino Rossi e Danilo Petrucci “influenzati” dal calendario

moto2

Moto2, classe ricca di rookie: ecco gli otto volti nuovi, tra cui tre italiani

MotoGP, Herve Poncharal

Hervé Poncharal: “Tech3 in MotoGP fino al 2026”