Moto2 Phillip Island Gara: Pol Espargaro vince e vola in testa

Nuovo capoclassifica, Corsi 4° con De Angelis 5°

20 ottobre 2013 - 1:49

Con Scott Redding in infermeria per la frattura al polso sinistro con conseguente operazione che lo costringerà a saltare anche la prossima trasferta in agenda al Twin Ring di Motegi, oggi al Phillip Island Grand Prix Circuit nella “gara spint” di soli 13 giri della classe Moto2 Pol Espargaro non poteva sbagliare. Un’occasione unica, una vittoria legittimata con un’inappuntabile strategia che gli ha permesso di bissare il trionfo del 2012, ma soprattutto ritrovandosi ora al comando della classifica del mondiale rispetto all’infortunato Redding, distanziato ora di 16 lunghezze e, di fatto, tagliato fuori nella corsa al titolo.

Importantissima vittoria per “Polyccio”, in trionfo con la KALEX del Pons Racing per la 9° volta in carriera in Moto2, laquinta quest’anno dopo Losail, Montmelò, Assen e Misano portando a 14 il computo di successi conseguiti in carriera nel Motomondiale. Nella trionfale giornata del nativo di Granollers, la contesa non ha mancato di riservare emozioni con diversi colpi di scena a cominciare dall’altro contendente al titolo iridato Tito Rabat, protagonista di un errore nei primi giri, soltanto ottavo sul traguardo e ora con 36 punti da recuperare nei confronti del compagno di squadra Espargaro con più soltanto 50 in palio nei restanti due eventi di Motegi e Valencia.

Una seria ipoteca al titolo per Espargaro, una buona gara per due piloti Suter Racing Technology quali Thomas Luthi (Interwetten Paddock) e Jordi Torres (MAPFRE Aspar), sul podio rispettivamente in seconda e terza posizione a precedere Simone Corsi, quarto in rimonta con la propria Speed Up SF13 a precedere il proprio compagno di squadra al Forward Racing Alex De Angelis, quinto dopo una combattiva prima parte della corsa riuscendo all’ultima tornata a far registrare il giro più veloce in 1’32″814. Podio sfiorato per una manciata di centesimi per due dei nostri portacolori, non per Mattia Pasini, a terra al secondo giro coinvolgendo l’incolpevole Julian Simon ed, una volta ripartito, sedicesimo sul traguardo.

Cronaca di Gara

Senza Thitipong Warokorn (frattura alla scapola destra), ma senza soprattutto il capoclassifica di campionato Scott Redding (frattura al polso sinistro rimediata ieri nel corso delle qualifiche ufficiali, fuori gioco anche per Motegi), scatta una gara della Moto2 a Phillip Island accorciata nella sua distanza da 25 a soli 13 giri. Allo spegnimento del semaforo parte benissimo Pol Espargaro, autore dell’hole-shot alla staccata della “Doohan Corner” su De Angelis, Luthi, Rabat, Torres e Nakagami scattato in anticipo dalla quindicesima casella. Mentre De Angelis attacca-e-passa Luthi alla “Honda Corner”, Espargaro resiste al comando e chiude in testa il primo dei 13 giri previsti con il sammarinese in scia seguito da Luthi, Rabat, Torres, Simon, Kallio, Aegerter, Terol ed i nostri Corsi e Pasini, non Axel Pons sfortunato protagonista di un’escursione sull’erba e conseguente scivolata al tornantino “MG”. Dopo il danno, la beffa per il figlio d’arte: insieme a Takaaki Nakagami e Marcel Schrotter sarà costretto a scontare un ride through per partenza anticipata.

Giunti al secondo giro Rabat si sbarazza di Luthi per la terza posizione puntando il mirino sulla Speed Up di Alex De Angelis, tutt’altra vita per l’altro alfiere del Forward Racing Mattia Pasini, caduto al tornantino “Honda” coinvolgendo l’incolpevole Julian Simon. Fuori gioco entrambi, costretto alla resa ben presto anche Johann Zarco per un errore alla “Siberia” con la corsa che entra definitivamente nel vivo. “Polyccio” continua a far l’andatura su De Angelis, nel tentativo di resistere ad un tentativo di attacco da parte di Thomas Luthi alla “Doohan” Tito Rabat invece sbaglia-e-paga ritrovandosi fuori pista: rientrerà, ma soltanto in nona posizione, lontano dal gruppo di testa ora formato nell’ordine da Espargaro, De Angelis, Luthi, Torres, Kallio, Aegerter ed il nostro Simone Corsi.

Espargaro non riesce nel tentativo di scappar via: anzi, è Thomas Luthi in 1’32″995 il più veloce in pista, crono presto battuto da Rabat che in rimonta fa registrare il best time in 1’32″821: l’elvetico ex-iridato 125cc proprio al giro di boa della contesa si libera di Alex De Angelis ora pressato da Jordi Torres (1’32″820, sorpasso riuscito a 4 giri dal termine alla “Honda Corner”), ritrovandosi in un lampo a ridosso della Pons KALEX #40 di testa. Quando sembravano poste le basi per il decisivo attacco, nel “rush finale” Espargaro guadagna quei metri di vantaggio indispensabili per aggiudicarsi la vittoria e, di conseguenza, la leadership di campionato.

Moto2 World Championship 2013
Phillip Island Grand Prix Circuit, Classifica Gara

01- Pol Espargaro – Tuenti HP 40 – KALEX Moto2 – 13 giri in 20’19.219
02- Thomas Luthi – Interwetten Paddock Moto2 – Suter MMX2 – + 0.591
03- Jordi Torres – MAPFRE Aspar Team Moto2 – Suter MMX2 – + 0.679
04- Simone Corsi – NGM Mobile Racing – Speed Up SF13 – + 0.893
05- Alex De Angelis – NGM Mobile Forward Racing – Speed Up SF13 – + 1.111
06- Dominique Aegerter – Technomag carXpert – Suter MMX2 – + 3.073
07- Mika Kallio – Marc VDS Racing Team – KALEX Moto2 – + 3.234
08- Tito Rabat – Tuenti HP 40 – KALEX Moto2 – + 3.655
09- Nico Terol – MAPFRE Aspar Team Moto2 – Suter MMX2 – + 10.182
10- Anthony West – QMMF Racing Team – Speed Up SF13 – + 18.083
11- Sandro Cortese – Dynavolt Intact GP – KALEX Moto2 – + 18.317
12- Ricky Cardus – NGM Mobile Forward Racing – Speed Up SF13 – + 19.415
13- Danny Kent – Tech 3 Racing – Tech 3 Mistral 610 – + 32.194
14- Gino Rea – Argiñano & Gines Racing – Speed Up SF13 – + 32.835
15- Doni Tata Pradita – Federal Oil Gresini Moto2 – Suter MMX2 – + 35.588
16- Mattia Pasini – NGM Mobile Racing – Speed Up SF13 – + 36.183
17- Kohta Nozane – JiR Moto2 – MotoBI – + 36.542
18- Steven Odendaal – Argiñano & Gines Racing – Speed Up SF13 – + 36.913
19- Azlan Shah Kamaruzaman – IDEMITSU Honda Team Asia – Moriwaki MD600 – + 37.099
20- Rafid Topan Sucipto – QMMF Racing Team – Speed Up SF13 – + 37.426
21- Marcel Schrotter – Maptaq SAG Zelos Team – KALEX Moto2 – + 41.817
22- Takaaki Nakagami – Italtrans Racing Team – KALEX Moto2 – + 41.933
23- Ezequiel Iturrioz – Blusens Avintia – KALEX Moto2 – + 47.089
24- Axel Pons – Tuenti HP 40 – KALEX Moto2 – + 1’30.731

Alessio Piana (Twitter: @AlessioPiana130)

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Marc Marquez e Alex Marquez

MotoGP, Alex e Marc Marquez vicini ad un nuovo focolaio: HRC in allerta

rabat motogp

MotoGP, Tito Rabat: “Johann Zarco lotta solo in pista, non fuori”

ismael bonilla jerez

Tragico incidente a Jerez, muore il pilota Ismael Bonilla