Moto2, Giorno 2: Luca Marini svetta nel primo turno nei test a Jerez

Luca Marini realizza un gran crono nella prima sessione del sabato, chiudendo davanti a Sam Lowes e ad Alex Marquez, top rookie Nicolò Bulega.

24 novembre 2018 - 12:10

Luca Marini apre la seconda giornata di test a Jerez de la Frontera per la categoria Moto2. Il pilota Sky Racing VR46 ha messo il suo sigillo nella prima sessione odierna con un impressionante 1:41.524 (ricordiamo la pole dell’anno scorso in 1:41.925, mentre il record assoluto è 1:41.925, entrambi appartenenti a Lorenzo Baldassarri). Seconda piazza per Sam Lowes, terzo Alex, miglior rookie Nicolò Bulega, che chiude in 11° posizione.

Gli orari sono cambiati rispetto a quanto programmato inizialmente: ora la categoria Moto2 ha a disposizione sia oggi che domenica due sessioni giornaliere da due ore e mezza, da sfruttare al meglio per conoscere le importanti novità applicate per il 2019. Non è iniziato al meglio l’esordio della categoria intermedia per il fresco campione Moto3 Jorge Martín, che in seguito ad una caduta avvenuta nella prima giornata ha riportato fratture multiple ed è già fuori causa. La sua KTM però non rimarrà ferma ai box: Red Bull KTM Ajo schiera al suo posto Iker Lecuona, per il momento libero da impegni (il suo team Swiss Innovative Investors infatti non prende parte a questi test).

Siamo solo alla prima sessione di giornata ma, come detto inizialmente, i tempi sono già da segnare. Continua quindi il buon esordio dell’accoppiata KALEX-Triumph, con Luca Marini in testa alla classifica davanti a Sam Lowes, Alex Marquez e Remy Gardner. Lorenzo Baldassarri stampa il quinto tempo, seguito da Jorge Navarro, Marcel Schrötter, Augusto Fernández e Tetsuta Nagashima, con Xavi Vierge a chiudere la top ten.

La classifica

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Alberto Puig team manager HRC

MotoGP, Alberto Puig: “I Marquez sono piloti, non vedo fratelli”

Alex Marquez

MotoGP, ufficiale: Alex Marquez firma con Repsol Honda

Danilo Petrucci MotoGP 2019

MotoGP, Danilo Petrucci esausto: “Non mi sono mai fermato”