Moto2: Dominique Aegerter nuovo pilota MV Agusta Forward per il 2019

MV Agusta Forward Racing Team annuncia il primo pilota per la stagione 2019: si tratta dello svizzero Dominique Aegerter.

14 novembre 2018 - 13:06

Lo avevamo anticipato questa mattina, ma ora Forward Racing ha ufficializzato il nome di uno dei due piloti con cui disputerà la stagione 2019 nel Mondiale Moto2: si tratta dello svizzero Dominique Aegerter, che quindi sarà un alfiere del rinominato MV Agusta Forward Racing Team, con il noto marchio di ritorno nel Campionato del Mondo dopo un’assenza lunga 42 anni. Classe 1990, dal 2010 corre nella categoria intermedia, con una vittoria a referto ottenuta nel 2014 in Germania ed altri cinque podi. Dall’anno prossimo quindi anche lui contribuirà allo sviluppo della nuova MV Agusta F2, per riportare al vertice lo storico marchio.

Lo svizzero trova quindi una sella nel Motomondiale anche per la prossima stagione, dopo le tanti voci sul suo futuro che lo vedevano lontano da questo campionato, in assenza di un contratto. “Sono molto felice di entrare a far parte di questa nuova squadra, con un progetto così ambizioso” ha dichiarato Dominique Aegerter. “Per me è motivo di grande orgoglio, oltre che una grande responsabilità. Darò il mio massimo per ottenere ottimi risultati e portare MV nelle posizioni che merita.”

“Sono molto contento di avere scelto un pilota valido ed esperto nella categoria come Dominique” ha aggiunto il Team Owner Giovanni Cuzari (che, lo ricordiamo, aveva inizialmente ingaggiato Romano Fenati per il 2019, prima di appiedarlo in seguito al fattaccio di Misano). “Sono convinto che abbia le qualità necessarie per contribuire, assieme al mio Team, ad ottenere con la nostra MV Agusta F2 ottimi risultati, per provare a portare il marchio italiano ai vertici delle classifiche.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Macau

Prime prove del Macau GP 2019 nel segno di Hickman

aegerter intact gp motoe

Dalla Moto2 alla MotoE, nuova sfida per Aegerter con Intact GP

Valentino Rossi

Valentino Rossi: “Con Munoz per cambiare metodo di lavoro”