Moto2: Caricasulo con JiR, Nagashima inizia la riabilitazione

Il leader del CIV Supersport correrà in Moto2 a Misano

9 settembre 2014 - 12:25

Un 2014 da incorniciare per Federico Caricasulo: splendido protagonista sia nel CIV Supersport, dove è ancora in lizza per il Campionato, che nell’Europeo Superstock 600, con tre podi all’attivo nella stagione d’esordio, il 18enne pilota romagnolo si appresta a fare il suo debutto nel Mondiale Moto2 con la TSR 6 del Team JiR nel GP di San Marino e della Riviera di Rimini, in programma questo weekend. Il talentuoso pilota di Ravenna è stato chiamato a sostituire l’infortunato giapponese Tetsuta Nagashima, vittima di una terribile caduta nel corso delle prove libere del GP d’Inghilterra. Incolpevolmente coinvolto in un incidente con Azlan Shah Kamaruzaman, il 22enne tester ufficiale TSR è finito in ospedale con ferite che lo terranno fuori dalle piste per alcuni mesi. Trasportato in elicottero all’ospedale di Coventry, allo sventurato pilota nipponico è stata riscontrata la lussazione della spalla destra, una piccola frattura all’anca, la frattura di tibia e perone della gamba destra ed un un infortunio al gomito destro. Fortunatamente una TAC presso l’University Hospital non ha rivelato alcuna lesione interna ma i tempi di recupero non sono tuttora definibili.

Prima di tutto vogliamo inviare i nostri migliori auguri a Tetsu“, ha commentato Gianluca Montiron, Team Principal del team JiR Teluru Webike. “Quando succedono cose simili nelle corse anche i giovani piloti dovrebbero rendersi conto che non si devono fare manovre scorrette che potrebbero causare situazioni di pericolo per se stessi e per gli altri. Ancora una volta tutti noi mandiamo il nostro pensiero a Tetsu per una pronta guarigione“. Christian Tarragoni

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

bastianini motogp

MotoGP, penalità per Bastianini. Petrucci: “Non so cosa stesse pensando”

motogp q2 sachsenring

MotoGP ed i rallentamenti: “Dovremmo essere un esempio, invece…”

bagnaia motogp

MotoGP, Pecco Bagnaia: “Tutti lenti davanti a me, impossibile fare un giro”