Moto2 Assen Gara: Andrea Iannone vince senza rivali

Dominio con la Speed Up, Elias secondo resta leader

26 giugno 2010 - 9:09

Per vincere gare in Moto2 quest’anno Andrea Iannone ha scelto la soluzione più impegnativa, ma allo stesso tempo la più facile da realizzare in determinati condizioni: dominare. Lo ha fatto al Mugello, ha replicato nella medesima maniera oggi ad Assen cogliendo la seconda affermazione stagionale per se e per il team Speed Up, che sviluppa in proprio la S-10 su base FTR Moto. Iannone ha preso il comando dopo l’hole shot di Wilairot, ha concluso il primo giro con 1″ di vantaggio arrivando a oltre 5″ di margine sugli inseguitori. Tantissimo per questa Moto2, una prestazione esaltante per il pilota vastese ora a 33 punti da Toni Elias, secondo sul traguardo e leader di classifica a quota 100.

Il campionato resta aperto per tutti, anche per Thomas Luthi che ha vinto la volata per la terza posizione a dispetto di Ratthapark Wilairot, thailandese rivelazione di questa prova con l’italianissima Bimota HB4 affidata al team SAG con la quale non ha nemmeno sfigurato nel confronto con un pilota del calibro di Elias. Sfuma per un niente il podio per la Bimota, sono due le Moriwaki sul podio in testa alla classifica marche davanti alla Suter, quinta grazie al solito Shoya Tomizawa che ha tenuto testa all’iridato 125cc in carica Julian Simon nel confronto tra le MMX schierate dai team Technomag CIP e Aspar. Con Simone Corsi solo 12°, la classifica propone adesso Elias al comando a 100 punti, seguono a 76 Tomizawa, 74 Luthi, 67 Iannone.

Per il bilancio tricolore è apprezzabile anche la corsa di Mattia Pasini, a lungo in 7° piazza prima di terminare 14° perdendo tantissimo negli ultimi giri. Fuori dai punti Alex Baldolini, “spinto” fuori dal tracciato nella fratricida volata con Hernandez e Claudio Corti, che si aspettava qualcosa di più del 17° posto per festeggiare il 23° compleanno. Se Alex De Angelis è 20° non va meglio a Niccolò Canepa, 24°, e a Raffaele De Rosa 27° con la Tech 3. Ritirato Roberto Rolfo, aspettando la tappa di Barcellona del prossimo fine settimana.

Cronaca di Gara

Fuori gioco per infortunio Debn e Pons, si parte con Wilairot leader alla prima curva su Iannone, Elias, Luthi, Nieto, Tomizawa, Cluzel, Simon e Corti in ottava posizione. Alla rinnovata variante “Ruskenhoek” Iannone passa Wilairot portandosi al comando, Elias prova la medesima manovra ma si vede chiuso dal pilota thailandese favorendo l’inserimento di Nieto partito come a Silverstone davvero molto bene. L’ex vice-campione del mondo della 250cc addirittura è in grado di scavalcare all’ultima variante la Bimota #14, questa lotta favorisce Iannone che dopo 1 giro ha già 1″4 di margine.

Si ripropone sostanzialmente la trama di gara vissuta al Mugello con Iannone in fuga e gli avversari a seguire, anche se con posizioni più stabilizzate: Elias e Wilairot ingaggiano un bel duello per la seconda posizione, dietro si fa notare Luthi davanti a Cluzel, Simon, Tomizawa e Mattia Pasini, già ottavo dopo una strepitosa partenza. Iannone viaggia con un passo insostenibile per chiunque sull’1’39”, sono 3 i secondi di vantaggio per una gara completamente in discesa.

Costretto al ritiro per un problema tecnico Anthony West dopo una partenza eccezionale, non va meglio ai colleghi Arne Tode e Fonsi Nieto, scivolati e obbligati a concludere anzitempo la trasferta olandese della Moto2. Inizia così una fase statica della contesa dove gli unici a farsi notare sono Elias e Wilairot scambiandosi di continuo la seconda posizione, favorendo così il re-inserimento nella bagarre del terzetto composto da Luthi, Tomizawa e Simon.

Con il ritiro causato da un problema tecnico di Roberto Rolfo (era 18° in scia di Claudio Corti) si contano tre italiani in zona punti a pochi giri dalla bandiera a scacchi: il fuggitivo Andrea Iannone, l’ottimo Mattia Pasini in nona e l’altra MotoBi di Simone Corsi in 13° posizione. La gara volge al termine con l’unica bagarre per i due restanti posti sul podio: Elias resiste in seconda posizione, Luthi ha la meglio su Wilairot. Vince così Andrea Iannone, interessanti le tre volate finali: Tomizawa vince il derby in casa Suter su Simon per il 5° posto, confronto tutti transalpino con Cluzel di un soffio settimo su Di Meglio, Hernandez conquista l’ultimo punto con una manovra al limite a scapito del nostro Baldolini, 16°.

Moto2 World Championship 2010
Assen, Classifica Gara

01- Andrea Iannone – Fimmco Speed Up – Speed Up S-10 – 24 giri in 40’00.383
02- Toni Elias – Gresini Racing Moto2 – Moriwaki MD600 – + 4.492
03- Thomas Luthi – Interwetten Moriwaki Moto2 – Moriwaki MD600 – + 5.390
04- Ratthapark Wilairot – Thai Honda PTT Singha SAG – Bimota HB4 – + 5.473
05- Shoya Tomizawa – Technomag CIP – Suter MMX – + 7.405
06- Julian Simon – Mapfre Aspar Team – Suter MMX – + 7.666
07- Jules Cluzel – Forward Racing – Suter MMX – + 16.023
08- Mike Di Meglio – Mapfre Aspar Team – Suter MMX – + 16.122
09- Karel Abraham – Cardion AB Motoracing – FTR Moto M210 – + 16.959
10- Yuki Takahashi – Tech 3 Racing – Tech 3 Mistral 610 – + 19.601
11- Scott Redding – Marc VDS Racing Team – Suter MMX – + 20.187
12- Simone Corsi – JiR Moto2 – MotoBi – + 20.423
13- Gabor Talmacsi – Fimmco Speed Up – Speed Up S-10 – + 21.358
14- Mattia Pasini – JiR Moto2 – MotoBi – + 26.654
15- Yonny Hernandez – Blusens STX – BQR Moto2 – + 34.024
16- Alex Baldolini – Caretta Technology Race Dept. – I.C.P. Caretta – + 34.045
17- Claudio Corti – Forward Racing – Suter MMX – + 34.377
18- Dominique Aegerter – Technomag CIP – Suter MMX – + 34.481
19- Stefan Bradl – Viessmann Kiefer Racing – Suter MMX – + 37.283
20- Alex De Angelis – RSM Team Scot – Scot Force GP210 – + 42.525
21- Vladimir Ivanov – Gresini Racing Moto2 – Moriwaki MD600 – + 43.395
22- Kenny Noyes – Jack & Jones by Antonio Banderas – Harris Promoracing – + 46.784
23- Sergio Gadea – Tenerife 40 Pons – Kalex Moto2 – + 46.796
24- Niccolò Canepa – RSM Team Scot – Scot Force GP210 – + 59.324
25- Hector Faubel – Marc VDS Racing Team – Suter MMX – + 1’00.168
26- Robertino Pietri – Italtrans S.T.R. – Suter MMX – + 1’01.868
27- Raffaele De Rosa – Tech 3 Racing – Tech 3 Mistral 610 – + 1’02.451
28- Bernat Martinez – Maquinza SAG Team – Bimota HB4 – + 1’07.317
29- Vladimir Leonov – Vector Kiefer Racing – Suter MMX – + 1’10.107
30- Valentin Debise – WTR San Marino Team – ADV AT02 – + 1’37.619
31- Mashel Al Naimi – Blusens STX – BQR Moto2 – + 1’41.035
32- Joan Olive – Jack & Jones by Antonio Banderas – Harris Promoracing – + 1’41.545

Alessio Piana

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Jorge Lorenzo

MotoGP, incidente Ducati-KTM: Jorge Lorenzo difende Pol Espargarò

MotoGP, Alberto Puig

MotoGP, disastro Honda senza Marc Marquez. Puig: “Non siamo contenti”

portimao motogp 2020

MotoGP UFFICIALE A Portimão l’ultimo GP della stagione 2020