Moto2: ancora cambiamenti in griglia in vista di Motegi

Tornano Ranseder e Lamborghini, tre wild card

22 settembre 2010 - 3:34

Schieramento di partenza… variabile. Ad ogni gara. La Moto2 da tre, quattro eventi stagionali presenta ad ogni appuntamento delle novità in griglia di partenza: chi è infortunato, chi ha terminato il budget, chi non ha rispettato le attese delle squadre. Il risultato è che anche a Motegi vedremo nelle novità in griglia anche grazie ad una cospicua partecipazione di wild card locali.

Dopo l’esperienza di Mattia Pasini al Motorland Aragon, a Motegi è atteso nuovamente in sella alla seconda Suter MMX del Kiefer Racing l’austriaco ex-125cc Michael Ranseder, impegnato lo scorso fine settimana nell’IDM Supersport dove si è giocato il titolo (ha concluso 2° alle spalle di Damian Cudlin, al via della Moto2 al Sachsenring con la Pons Kalex).

Novità al Matteoni Racing: Lukas Pesek appiedato, Santiago Hernandez in pista ad Aragon, Ferruccio Lamborghini pilota designato per le ultime gare gare dopo la più che positiva esperienza da wild card a Misano con il Forward Racing.

Dall’infortunio dovrebbe aver recuperato in tempo per il GP del Giappone Vladimir Ivanov, degnamente sostituito ad Alcaniz da Michele Pirro che ha stupito tutti al sabato ottenendo la seconda fila dello schieramento di partenza con la Moriwaki del team Gresini. Intanto al Racing Team Germany, dopo aver appiedato Arne Tode, è già stato confermato per Motegi Kazuki Watanabe, ex-protagonista della 250cc in Giappone che non ha proprio esaltato all’esordio in Aragona.

A proposito di piloti nipponici, già definite le wild card per il GP di casa, addirittura tre (deroga rispetto al regolamento vigente): Yusuke Teshima, già pilota JiR da Barcellona a Brno, con la TSR ufficiale, Shogo Moriwaki ovviamente con la MD600 di Moriwaki Engineering, Koki Takahashi con l’inedita Burning Blood RBB.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo: un Mondiale vinto (anche) dallo psicologo

mir petrucci motogp

MotoGP: Joan Mir e Danilo Petrucci, l’abbraccio dopo l’incidente

MotoGP, Valentino Rossi a Misano

MotoGP, Valentino Rossi: “Arrabbiato con Pecco, Yamaha scelta giusta”