Superbike: Leon Camier “Da dove ripartirà la Honda?”

Elettronica, telaio, motore: HRC ha davanti un duro lavoro per provare a riportare la Fireblade al vertice del Mondiale

15 dicembre 2018 - 10:50
 Honda sarà la grande incognita della Superbike 2019.  Quali  riflessi tecnici avrà il coinvolgimento diretto di HRC che dopo sedici anni torna ad occuparsi in maniera diretta dello sviluppo tecnico? Se lo sta chiedendo anche Leon Camier, britannico che insieme al giapponese Ryuichi Kiyonari guiderà le CBR1000RR SP2

Non penso che ricominceremo da zero, ma al momento non so bene neanch’io da dove ripartiremo. L’obiettivo è ritrovare la competitività che avevamo mostrato all’inizio della stagione 2018” confida Leon Camier. Nello scorso campionato la Honda, ancora a gestione Ten Kate, aveva sfiorato il podio nelle due gare d’apertura, mostrando un livello eccellente soprattutto a Buriram (Thailandia) quando il britannico era finito quarto. Nella gara successiva ad Aragon la Honda ha sostituito l’elettronica Cosworth con la Marelli, ma da lì in poi le prestazioni sono andate a picco. “In alcune aree, la nuova elettronica era molto buona, ad esempio, il controllo delle impennate funziona incredibilmente bene. Il controllo di trazione non era così a punto, ma andava sempre meglio. Posso solo descrivere quello che sento, ma alcuni problemi non sono mai stati risolti” ha detto Leon Camier all’online Speedweek.

La Marelli quindi non è stato il toccasana che piloti e tecnici della precedente gestione auspicavano. “Penso che abbiamo preso la strada giusta verso la fine della stagione. Non vedo perché l’elettronica Marelli non dovrebbe essere migliore di quella di Cosworth. Ho sentito dei benefici immediatamente, quindi ho percepito il potenziale. Jonathan Rea vince con la Marelli, la differenza la fa il software e i dati che ogni squadra ci mette dentro”. Tutte le squadre ufficiali della Superbike adesso usano elettronica Marelli, eccetto la BMW.

Oltre ai problemi elettronici, Camier ha anche individuato punti deboli nel telaio della CBR1000RR SP2 ha spesso lamentato che il motore avesse poca potenza. Quindi non sarà un lavoro facile e il tempo stringe: il tempo per provare sarà pochissimo e la prima gara incombe: il campionato comincerà il 23-24 febbraio a Phillip Island.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

BSB Test Portimao: O’Halloran precede Redding e Forés

Ducati non si ferma: Bautista e Davies doppio test ad Aragon

Bedon (Snipers Team): “Fenati è completamente cambiato”