Superbike, Jonathan Rea “Ho cambiato set up, ora ho più margine”

La Kawasaki sta cercando nuove strade per accorciare le distanze dalla Ducati. Jonathan Rea prova anche a sfruttare meglio le gomme. Funzionerà?

12 aprile 2019 - 20:04

Jonathan Rea è rimasto al comando dei tempi quasi l’intero venerdi, salvo cedere il primato a pochi istanti dalla fine alla BMW dell’ex nemico-di-squadra Tom Sykes. Primo o secondo cambia niente, (qui cronaca e classifica) l’obiettivo della Kawasaki è provare a battere Alvaro Bautista e accorciare le distanze in un Mondiale già indirizzato dal pesante 9-0 dello spagnolo. Rea e la sua squadra  stanno sondando nuove strade: un assetto diverso, per guadagnare agilità nel veloce, e soprattutto possa gestire al meglio la nuova gomma anteriore Pirelli “C”, la più dura fra le scelte disponibili. Il fornitore unico ha portato in Olanda le stesse identiche soluzioni disponibili ad Aragon.

“STO CAMBIANDO STILE DI GUIDA”

“E’ stata una giornata positiva” dice Jonathan Rea. “Abbiamo cambiato un pò il set-up della moto e siamo tornati indietro, cioè alle soluzioni 2018, cambiando la strada che avevamo intrapreso nei test invernali e nelle prime gare di campionato. Pare che funzioni:  la moto è più maneggevole, guido in maniera diversa. In particolare con questo assetto riesco ad essere molto incisivo nelle curve più veloci. Abbiamo operato un cambiamento molto grande, ho bisogno di riprenderci la mano.”

GOMME AL LIMITE CON QUESTO FREDDO

La chiave delle gare sarà gestire le gomme: con queste temperature polari (venerdi 7°C nell’ora più calda…) il battistrada tende a strapparsi velocemente. “Abbiamo lavorato molto per valutare la situazione, sono ancora un pò incerto. Sento che abbiamo ancora un pò di margine.”

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike Misano: Toprak, non c’è due senza tre?

Superbike: Eugene Laverty salta anche Misano

Superbike: Leon Camier salterà anche Misano