Superbike Assen: Alvaro Bautista si prende anche il warm up

Alvaro Bautista è stato velocissimo nel warm up, compiendo una mini simulazione di gara. Jonathan Rea, per batterlo, dovrà fare cose speciali

14 aprile 2019 - 9:20

Alvaro Bautista è stato il più veloce nei quindici minuti di warm up in preparazione alle due gare del Mondiale Superbike ad Assen, che scatteranno alle 11 e alle 14, entrambe sulla distanza “piena” di 21 giri. Il ducatista ha girato in 1’35″416 e precede di 131 millesimi Jonathan Rea. Terzo tempo per la BMW di Tom Sykes: salvo sorprese saranno questi tre piloti a giocarsi il successo. Bautista ha compiuto un mini long run con un passo molto molto efficace: se vuole vincere Rea dovrà spingere fortissimo, fin dalla prima curva, considerando anche che dovrà risalire dalla terza fila. Mentre l’asso della Ducati parte in pole. Impedire che Alvaro conquisti il decimo trionfo stagionale sarà un’impresa per il campione del Mondo in carica. Partiranno anche Toprak Razgatlioglu e Ryuichi Kiyonari infortunati durante la Superpole.

BAUTISTA VS REA, PASSO GARA

Alvaro Bautista ha compiuto nove giri, senza fermarsi mai al box,  cinque dei quali sotto la barriera di 1’36”. Migliore passaggio 1’35″416 al sesto passaggio. Rea invece ne ha fatti otto, interrotti però da una sosta ai box. Nel secondo stint (tre giri) si è mantenuto sempre sotto 1’36”, il migliore è stato il terzo in 1’35″547. Ci sono buone possibilità che il vero passo di Jonathan sia questo, cioè con costanza sotto 1’36”. Significherebbe che la Kawasaki ha 2-3 decimi di margine rispetto alla Ducati. Ci sono però varie incognite: la posizione di partenza differente (Bautista in pole, Rea in terza fila) e l’usura gomme. Con questo freddo la tenuta degli pneumatici sui 21 giri è tutta da verificare.

LA KAWASAKI HA CHIESTO PIU’ PUNTI 

Il warm up, scattato alle 09:00, si è svolto in condizioni di temperatura veramente inusuali: appena 2°C sia nell’aria che sull’asfalto. Il cielo però è terso e il meteo, solitamente molto affidabile in Olanda, promette una giornata di sereno. Se non torna a piovere, non ci sarà alcun problema per la disputa delle due gare, entrambe su 21 giri, previste alle 11 e alle 14. La corsa sprint (10 giri) è stata cancellata: la Kawasaki, durante la riunione tra organizzatori e team manager, aveva chiesto di “spalmare” il punteggio della corsa breve sulle due lunghe.  Cioè assegnare 31 punti al vincitore (25 normali, + 6 di bonus “sprint). Ma la proposta è stata respinta perchè non prevista dal regolamento.

Foto: Diego De Col

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Superbike: L’arrivo di Ten Kate farà saltare il banco in Yamaha?

Eugene Laverty: “Bitubo è il nostro asso nella manica”

Superbike: “Jonathan Rea ora ha un avversario al suo livello”