Superbike Aragon: Pata Yamaha punta ancora al podio

Dopo il secondo e terzo posto in Gara 2 a Buriram, Alex Lowes e Michael van der Mark puntano a salire sul podio anche al Motorland Aragon.

12 aprile 2018 - 8:59

Il team Pata Yamaha si prepara ad affrontare il terzo round del Mondiale Superbike 2018 al Motorland Aragon, circuito spagnolo situato nei pressi di Alcañiz.

Dopo un inizio non proprio brillante a Phillip Island, a Buriram Michael van der Mark e Alex Lowes hanno fatto un passo avanti e si sono giocati il podio, fino a chiudere Gara 2 rispettivamente in seconda e terza posizione. Questi piazzamenti sono motivo di grande entusiasmo per i piloti e per l’intero team e l’obiettivo per le due gare del Motorland Aragon è quello di ripetersi e lottare nuovamente per le primissime posizioni. Se Lowes non è andato oltre il quarto posto della scorsa stagione in Gara 1, i podi conquistati da van der Mark sulla pista spagnola sono già tre, tutti secondi posti ottenuti tra Europeo Superstock 600 (2012) e Mondiale Supersport (2013 e 2014). In campionato Lowes si trova in quinta posizione a quota 48 punti, con van der Mark sesto a quota 45.

Alex Lowes: “Il 2018 è iniziato bene, ma sinceramente mi manca ancora un po’ di fiducia per poter guidare al meglio. Aragon è una pista che mi piace molto! È un circuito lungo che alterna curve più lente e sezioni tecniche a curve più veloci, molto adatte al mio stile di guida. Non vedo l’ora di essere là e di lavorare duramente coi ragazzi del team durante le prove. Spero di poter lottare nuovamente per il podio.

Michael van der Mark: “I risultati ottenuti nei primi due round sono incoraggianti, anche perché quest’anno la lotta è più serrata. Dopo i progressi fatti, non vedo l’ora di scendere in pista ad Aragon. Speriamo di ben figurare e di riuscire a giocarci ancora il podio.

Photo Credit: Yamaha Racing

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Ken Roczen: “Mi sono tolto una scimmia dalle spalle”

Supercross: Stagione finita per Chad Reed

Marcos Garrido “campeon”: dopo il funerale monta la polemica