Superbike: Alex Lowes “La Ducati? Chi l’ha vista…”

Alex Lowes è drastico: "La Ducati è molto più veloce, Alvaro Bautista in Thailandia mi ha passato in pieno rettilineo e non l'ho più visto"

27 marzo 2019 - 18:49
Alex Lowes ha concluso tre volte al terzo posto in Thailandia e nel Mondiale occupa la stessa posizione, dopo due dei tredici round previsti. Il divario che Yamaha ha accusato dalla Ducati però è sensibile: in gara 1 il britannico ha pagato 14 secondi di ritardo, nella seconda 12, sui venti giri previsti. Si tratta di ritardi assai consistenti considerando che la pista di Buriram è piatta e poco tecnica. Nel 2018 lo stesso Lowes aveva finito quinto gara 1, a sette secondi dallla Kawasaki di Jonathan Rea, e nella seconda aveva concluso terzo a soli tre secondi dalla Ducati di Chaz Davies con la Ducati. L’arrivo della V4R e di un talento come Alvaro Bautista ha dato una bella accelerata…

“Recuperare sulla Ducati? Non ho idea…”

Non ho idea di come raggiungere Ducati” è lo sconsolato commento di Alex Lowes. “Alvaro Bautista in Thailandia non l’ho praticamente visto.” In realtà, al terzo giro di gara 1, la Yamaha era riuscita a sorprendere Bautista rallentato dal contatto in curva tre con Rea. “Si, ero riuscito a mettergli le ruote davanti, ma sul rettilineo non mi ha dato scampo. Bautista è passato di slancio ed è subito scomparso dalla mia visuale. Un divario di questo genere è difficile da mandare giù. E’ chiaro a tutti quanto la Ducati sia più veloce. Però devo anche ammettere che Bautista ha fatto un lavoro fantastico: non è facile arrivare qui da noi, ambientarsi subito e vincere sei gare su sei. Non posso che congratularmi con lui.”

Foto: Diego De Col

2 commenti

Ringhietto
21:46, 27 marzo 2019

Io continuo a pensare che la V4R non sia un mostro, lo dimostrano i piazzamanti degli altri piloti.

Di sicuro Alvaro ha dalla sua tanto: motivazione (probabilmente ha tantissima fame), inseperienza sulla vecchia Panigale (quindi non ha dovuto modificare il suo approccio alla moto), struttura fisica (forse il peso piuma su tutti quei cavalli aiuta) e probabilmente più capacità di quelle che alcuni credevano.

    fabu
    12:57, 28 marzo 2019

    la penso anche io così, fosse così superiore i piloti Ducati monopolizzerebbero il podio. come dire che in MotoGP la Honda è imbattibile.

POTRESTI ESSERTI PERSO

Superbike: L’arrivo di Ten Kate farà saltare il banco in Yamaha?

Eugene Laverty: “Bitubo è il nostro asso nella manica”

Superbike: “Jonathan Rea ora ha un avversario al suo livello”