Superbike Test Portimao: sempre il solito Jonathan Rea

Jonathan Rea chiude la giornata di Test a Portimao in testa con un buon 1'42"192. Sul podio immaginario la Yamaha di Alex Lowes e la Ducati di Alvaro Bautista.

27 gennaio 2019 - 17:09

Dopo le prime gocce di pioggia al mattino, sull’Autodromo di Algarve Portimao è rispecchiato un cielo soleggiato e temperature miti che hanno permesso ai piloti Superbike di sfruttare al massimo la giornata di Test. I primi a scendere in pista Michael Rinaldi (BARNI Racing Team) in sella alla Ducati Panigale V4 R, seguito da Eugene Laverty (Team Goeleven), ma a stupire è stato il turco Toprak Razgatlioglu (Turkish Puccetti Racing) che chiude quarto e prosegue la sua crescita in sella alla Kawasaki ZX-10R.

A piazzarsi in testa al gruppo è il campione in carica Jonathan Rea ad un’ora dalla bandiera a scacchi, riuscendo a limare ulteriormente il suo crono fino a scendere a 1’42″195. Alle sue spalle Alex Lowes (Pata Yamaha WorldSBK) con la Yamaha R1 a 419 millesimi di gap. Soddisfatti per i progressi fatti a Jerez, i piloti del BMW Motorrad WorldSBK Team continuano lo sviluppo della moto anche in Portogallo: Tom Sykes è riuscito a registrare il quinto tempo mentre Markus Reiterberger è decimo.

Il team Aruba.it Racing – Ducati ha raccolto quanti più dati possibili e macinato una gran mole di giri, soprattutto con Alvaro Bautista, per affinare ulteriormente la V4 R. Lo spagnolo sale sul gradino più basso del podio immaginario con un buon 1’42″682 siglato nei minuti finali, mentre Chaz Davied chiude la top-10. I piloti del GRT Yamaha WorldSBK, Marco Melandri e Sandro Cortese, hanno lavorato su due diversi programmi di sviluppo della YZF-R1 e concluso rispettivamente all’ottavo e undicesimo posto.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

MotoGP, Oscar Haro: “Lorenzo bloccato dall’elettronica”

BSB Silverstone Prove 2: O’Halloran al top, 1-2 McAMS Yamaha

Moto3, Andrea Migno: “Podio importante, mancava da tempo”