Superbike Phillip Island, Libere 4: Svetta Xavi Forès ma che passo Jonathan Rea

Lo spagnolo del team Barni piazza la zampata, la Kawasaki però è velocissima e prepara un super debutto

23 febbraio 2018 - 23:14

Xavi Forès è stato il piuù veloce con la Ducati Barni nella quarta e ultima sessione di prove libere del round d’apertura del Mondiale Superbike a Phillip Island. Appena venti minuti, non validi per la qualifica alla Superpole, per giunta interrotti con la bandiera rossa per rimuovere la Honda di PJ Jacobsen volato alla Lukey Heights. Il pilota americano si è procurato abrasioni alla spalla destra, ha il permesso dei medici per correre.

KAWASAKI VOLA – Forès è riuscito a stampare un ottimo 1’31″050, scendendo più volte molto vicino alla barriera dei 1’31” netto, per altro con un ottimo passo gara. Ma chi sembra messo meglio in ottica gara  è Jonathan Rea, secondo tempo,  con una Kawasaki che sembra in gran forma anche con lo scudiero Tom Sykes, terzo. Aldilà del taglio di 1100 giri motori imposto per regolamento, è ancora la ZX-10R la moto da battere: Rea è transitato in rettilineo a 319 km/h, con forte vento a favore. Al momento sembra che i valori siano più ravvicinati rispetto al passato: i primi otto della FP4 sono racchiusi in quattro decimi. Quindi non è difficile pronosticare una gara di gruppo, soprattutto perchè all’inizio i piloti cercheranno di salvaguardare la gomma posteriore, estremamente sollecitata sul fianco sinistro su questo tracciato.

YAMAHA IN AGGUATO  – Alex Lowes ha spinto la R1 fino a 1’31″305, anche lui conta di recitare un ruolo di primissimo piano nella gara 1 che scatta alle 15 locali, le 05 del mattino in Italia. Il britannico precede Marco Melandri, l’altra Panigale ufficiale di Chaz Davies è in ottava posizione. Rea parte favorito, ma sulla gara pesano mille incognite: nuovo regolamento, durata delle gomme e anche il meteo che per il pomeriggio annuncia possibilità di scrosci di pioggia. Sarà un inizio da cuori forti.

I TEMPI DELLA FP4: 1. Fores (Spa-Ducati) 1’31″050; 2. Rea (GB-Kawasaki) 1’31″194; 3. Sykes (GB-Kawasaki) 1’31″245; 4. Lowes A. (GB-Yamaha) 1’31″305; 5. Melandri (Ita-Ducati) 1’31″307; 6. Laverty (Irl-Aprilia) 1’31″346; 7. Savadori (Ita-Aprilia) 1’31″473; 8. Davies (Gb-Ducati) 1’31″490; 9. Camier (Usa-Honda) 1’31″490; 10. van der Mark (Ola-Yamaha) 1’31″695; 11. Razgatliouglu (Tur-Kawasaki) 1’32″091; 12. Ramos (Spa-Kawasaki) 1’32″105; 13. Gagne (Usa-Honda) 1’32″113; 14. Torres (Spa-MV Agusta) 1’32″239; 15. Hernandez (Col-Kawasaki) 1’32″362; 16. Baz (Fra-BMW) 1’32″672; 17. Mercado (Arg-Kawasaki) 1’32″676; 18. Maxwell (Aus-Yamaha) 1’32″798; 19. Jacobsen (Usa-Honda) 1’33″530; 20. Jezek (Cec-Yamaha) 1’33″541; 21. Falzon (Aus-Yamaha) 1’33″623; 22. Herfoss (Aus-Honda) 1’33″873.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MXGP Francia: info e orari delle dirette su Corsedimoto

MXGP Michele Rinaldi: “Stiamo lavorando in ottica 2020”

Test DTM, Andrea Dovizioso a Misano con l’Audi RS5