Superbike: Jordi Torres “La Kawasaki dà fiducia”

Prima uscita dello spagnolo con la ZX-10R di Pedercini Racing che guiderà nel Mondiale 2019

22 dicembre 2018 - 10:17

Dopo quattro stagioni trascorse in Aprilia, BMW Althea (due anni)  e infine con MV Agusta, lo spagnolo Jordi Torres ha accettato la sfida propostagli dal team Pedercini. Pilota e squadra cercano il rilancio dopo un 2018 sotto delle aspettative. Prima uscita invernale nei giorni scorsi ad Almeria, servita a Jordi Torres per prendere le misure con la ZX-10R.

Sono molto contento di aver provato la ZX10RR perchè ero curioso di capire il carattere della moto” ha commentato Jordi Torres. “Mi è parsa dolce ed agile da guidare, con un ottimo avantreno, stabile che offre sempre il giusto equilibrio e sostegno, e una eccellente accelerazione, che però deve essere interpretata. Ho girato cercando di adattarmi studiando soprattutto gli inserimenti in curva e le uscite in accelerazione. Devo dire che sono rimasto sorpreso dalla facilità di guida e dalla fiducia che ti da. Sicuramente per andare forte bisognerà forzare un po’, ma in questo test ho visto che vi sono ampi margini di miglioramento ed il pacchetto complessivamente mi pare molto buono. Tutto questo ci aiuta per arrivare al prossimo test pronti a fare un passo avanti nella preparazione e nella conoscenza della moto”

Pedercini Racing ha un nuovo team manager, il mantovano Giordano Mozzi, che si occuperà della gestione e sponsorship. In capo al proprietario Lucio Pedercini resteranno invece le questioni più tecniche. “Lavorare con veri professionisti come Jordi  è sempre un grande piacere oltre che molto stimolante” ha commentato Giordano Mozzi. “Stiamo dando loro tutto il nostro meglio e continueremo a farlo per tutto l’anno prossimo. Dopo questi bei test, siamo ansiosi di vedere entrambi i piloti con le nostre moto 2019. Lavorando sempre con questo bel feeling e questa armonia tra piloti e Team, nel prossimo Mondiale  crediamo proprio di poterci togliere delle belle soddisfazioni”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Moto3, Le Mans: Trionfa John McPhee, 2° Dalla Porta

MotoGP, Le Mans: Warm Up, svetta Fabio Quartararo

Alvaro Bautista: “Imola è stato un campanello d’allarme”