Superbike: Crescent Suzuki convince ad Almeria

Alex Lowes ed Eugene Laverty in evidenza, ora a Portimao

18 gennaio 2014 - 23:57

Tutte le premesse per un 2014 di grandi soddisfazioni. Il Voltcom Crescent Suzuki, nuova denominazione della compagine di Paul Denning dal 2012 riferimento Suzuki nel WSB, ha archiviato una positiva due-giorni di test ad Almeria con Eugene Laverty e, soprattutto, Alex Lowes non distanti dai riferimenti cronometrici “monstre” fatti registrare dal Campione del Mondo Tom Sykes.

Alla terza uscita con la Suzuki GSX-R 1000, il Campione British Superbike 2013 Alex Lowes ha ben figurato tanto da scender sotto il muro dell’1’35”, viaggiando con un buon passo ribadito anche dal vice-Campione del Mondo in carica Eugene Laverty, al secondo test con la “Gixxer” e, nel frattempo, insignito del prestigioso riconoscimento di pilota irlandese del 2013.

La nuova coppia Crescent Suzuki ha lavorato su diversi aspetti delle GSX-R 1000 equipaggiata dai propulsori Yoshimura: elettronica, bilanciamento dei pesi e sospensioni Öhlins 2014. Unica nota “stonata” una scivolata a testa tanto per Eugene Laverty quanto per Alex Lowes, fortunatamente senza conseguenze, a maggior ragione pensando che oggi e domani torneranno in pista all’Autódromo Internacional do Algarve di Portimão

Per noi è stato un ottimo inizio di stagione“, ha ammesso Paul Denning, titolare del team Crescent Suzuki. “I nuovi piloti e meccanici si sono integrati bene all’interno del team, tanto che il bilancio alla conclusione di questa due-giorni di test ad Almeria è decisamente positivo. Alex (Lowes) continua a stupire tutti: la pista non era nelle migliori condizioni, ma con gomme da gara ha fermato i cronometri sull’1’34″7, praticamente 2″ meglio rispetto ai tempi fatti registrare da noi nello stesso periodo, sulla stessa pista lo scorso anno.

Crediamo che Alex sarà uno dei protagonisti di questa stagione, così come Eugene. Qui ha svolto un lavoro diverso, concentrandosi sulle strategie elettroniche e trovare il feeling con la GSX-R 1000 prima di poter forzare. Eugene ha lavorato bene, è cresciuto molto nei due giorni di test, questo ci lascia fiduciosi per il prosieguo del lavoro a Portimao“.

Servizio Fotografico: Pedro Lamazares Durá

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Superbike: Alvaro Bautista scopre Imola “La pioggia? Non ho paura”

MotoGP: Aprilia con lo spoiler già a Jerez?

CIV Superbike: Michele Pirro-Ducati V4R, chi li batte al Mugello?