Eugene Laverty: “Potenziale altissimo, se finiscono i problemi…”

Il pilota irlandese ha avuto tanti problemi tecnici anche in Spagna. Ma EuGenio assicura che il potenziale della Ducati GoEleven è altissimo

9 aprile 2019 - 9:25

Eugene Laverty è pronto a lasciare il segno, il potenziale della Ducati V4R gestita da GoEleven è molto alto ma l’irlandese non è ancora riuscito a fare una gara senza problemi. In Australia “EuGenio” è arrivato quasi senza test, per cui non fa testo. In Thailandia è rimasto senza freni in gara 1, rischiando moltissimo, e la domenica non è riuscito a prendere il via per ulteriori problemi tecnici sulla V4R ricostruita con ricambi avuti in prestito dalle altre formazioni Ducati. Al Motorland Aragon in gara 1 Laverty ha perso l’ala destra dopo un contatto con Chaz Davies all’ultimo giro, mentre si stava giocando con il gallese l’ultimo gradino del podio. Nella corsa sprint ha avuto noie al freno posteriore e in gara 2 ha perso potenza per un problema al tappo della sonda lambda sullo scarico.

“Sono molto ottimista” 

Questa serie di problemi tecnici avrebbero potuto incidere sulla fiducia, invece Laverty non vede l’ora di poter scendere di nuovo in pista ad Assen. Sul tracciato olandese ha già vinto tre volte, due in Supersport con la Honda, ripetendosi nel 2013 in Superbike con l’Aprilia. “Ho preso in mano la Ducati di GoEleven solo a dicembre,  abbiamo fatto grandi progressi in pochissimo tempo e ribadisco che  nostro potenziale è molto alto” afferma Eugene Laverty. “In Spagna abbiamo avuto diversi problemi e molta sfortuna, ma ho il morale altissimo perchè con questo pacchetto sono sicuro di potermi togliere belle soddisfazioni. GoEleven è una piccola squadra, ma mi sto trovando molto bene. Non conoscevo Maurizio Perlini (il suo capo tecnico, ndr) ma devo dire che mi sta dando un supporto eccezionale. E una persona che conosce molto bene le corse e la Ducati. Non vedo ora che sia l’ora della gara…”

Foto: Diego De Col

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Superbike: Ducati gira a Imola con Bautista e Davies il 24 aprile

Supersport 300: Wild card a Imola per Matteo Bertè e ProGP Racing

Superbike: Honda, dove sei finita?