BMW Parla Markus Schramm: “Tornati per vincere il Mondiale Superbike”

BMW è tornata a correre in forma ufficiale fra le derivate di serie con un programma a lungo termine. E molto ambizioso

14 febbraio 2019 - 17:44

BMW è tornata in forma ufficiale in Superbike per restarci a lungo e vincere il Mondiale. Lo ha dichiarato Markus Schramm, capo della divisione Motorrad, in un’intervista rilasciata all’austriaco Motorrad Magazine. Il manager tedesco è operativo da maggio dello scorso anno e in pochi mesi (anzi, settimane….) ha ribaltato la strategia del predecessore Stephan Schaller, che era stato l’artifice del ritiro di fine 2013.  BMW Motorrad ha ingaggiato un asso del calibro di Tom Sykes e confermato la fiducia a Markus Reiterberger, prodotto del vivaio. La nuova S1000RR verrà gestita in pista dalla struttura britannica SMR.

“Siamo andati molto velocemente”

“Sono orgoglioso del fatto che abbiamo deciso di riaffacciarci al Mondiale così velocemente” ha detto Markus Schramm. “Non siamo entrati per correre un paio d’anni e poi uscire di nuovo, vogliamo restere nel Mondiale molto a lungo. “Il primo passo sarà lo sviluppo della nostra RR in configurazione gara, nel secondo step punteremo a qualche risultato di prestigio e il terzo sarà lottare per il titolo. Abbiamo questo obiettivo, lo dico molto chiaramente. Ma non siamo ingenui, non pensiamo certo di poter vincere immediatamente. Abbiamo pazienza e la consapevolezza che questo non sarà possibile da un giorno all’altro.

“Aumentare le vendite, ma non è solo questo”

Schramm, 55 anni, ha le idee chiare anche riguardo al marketing legato alle competizioni. “Buoni risultati faranno bene alle vendite della nostra S1000RR ma c’è anche altro. Il motorsport fa parte del dna di BMW Motorrad. Ecco perchè non pensiamo solo al mercato, ma anche alla percezione che i nostri clienti hanno. Ci teniamo molto a dare di noi un’immagine dinamica.”  Il Mondiale Superbike comincia il 23-24 febbraio a Phillip Island, in Australia.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Mirko Giansanti: “Il progetto GRT mi sta ripagando del Mondiale perso da pilota”

Superbike Misano: Tom Sykes scalpita “Vorrei salutarvi dal podio”

Superbike: ETS Racing Fuel, quanto sono importanti le benzine speciali?