Alvaro Bautista: “Non mi ero mai divertito così tanto”

Alvaro Bautista fa volare la Ducati V4R sul tracciato dove ad ottobre aveva sfiorato il podio in MotoGP

18 febbraio 2019 - 11:51

Alvaro Bautista è così felice che non riesce a stare fermo un attimo mentre racconta il lunedi da leone vissuto a Phillip Island. Al primo, vero, confronto “invernale” con Jonathan Rea e la Kawasaki lo spagnolo ha portato la Ducati V4R quattro decimi davanti (qui cronaca e tempi). Phillip Island gli piace da matti, e si vede. “Stavolta è facile, perchè le temperature sono ideali, con la MotoGP ero abituato a fare sempre i conti con un freddo intenso che rendeva tutto più difficile. Posso dire che qui non mi ero mai divertito così tanto…” 

Certo, con una Ducati così…

“La V4R ha un carattere molto simile alla MotoGP, cambia la potenza. Dopo il primo giro mi è sembrato di uscire così piano dall’ultima curva che mi sono subito fermato ai box per chiedere se ci fosse qualcosa che non andava. Invece era tutto a posto. Il fatto è che con la Desmosedici qui ti senti sparato via fortissimo ogni volta…” 

Dov’è la novità rispetto ai test iberici?

Abbiamo fatto alcune modifiche che ci hanno permesso di rendere la moto più maneggevole, che era un pò il nostro problema. Sono anche convinto che questo tipo di tracciato, con curve molto scorrevoli, ci venga un pò incontro.”

Sei ancora convinto che la Ducati non sia pronta per vincere?

“Qui abbiamo fatto un grande passo avanti. Ma gli avversari hanno tanta esperienza, sono convinto che in gara saranno là davanti per giocarsela.” 

Gli avversari si lamentato per i 16.350 giri motore concessi alla Ducati

“Non ne so niente. La V4R va forte, ma qui a Phillip Island la velocità massima è molto influenzata da quanto esci forte dall’ultima curva. E io nel T4 sono decisamente veloce…

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jonathan Rea avverte: “Anche Yamaha è diventata un problema”

Johann Zarco: “L’offerta da Honda Superbike è un’invenzione”

MotoGP Alvaro Bautista lancia Alex Rins: “La Suzuki può vincere”