Alvaro Bautista: “Mi aspetto avversari agguerritissimi”

Alvaro Bautista e la Ducati proveranno ad allungare il momento magico dopo la tripletta in Australia. Anche Buriram sarà favorevole alla V4R?

13 marzo 2019 - 22:37

Alvaro Bautista ha concluso in ottava posizione con la MotoGP lo scorso ottobre a Buriram. Pochi mesi dopo torna in Thailandia in Superbike per continuare la serie magica apertura in Australia, con la tripletta che ha battezzato il folgorante debutto della Ducati  V4R. Su nessun tracciato si viaggia a tutto gas così a lungo come qui, per cui le attese sono per una Panigale di nuovo da battere. Anche se Jonathan Rea e la Kawasaki non scherzano: sei vittorie in otto gare. Adesso il Cannibale ha la nuova ZX-10R, con un motore decisamente più potente. Sarà una sfida pazzesca. Qui la programmazione TV

“Buriram sarà favorevole? Non lo so”

Quello australiano è stato un weekend da sogno e non avrei potuto chiedere un debutto migliore nel Mondiale SBK” torna al passato Alvaro Bautista. “Lo scorso anno in Tailandia, nella gara della MotoGP, ho ottenuto un ottimo risultato e quindi sono fiducioso anche se la pista di Buriram, ha delle caratteristiche diverse rispetto a quella di Phillip Island perché ci sono più settori misti. Sicuramente i nostri rivali saranno agguerritissimi, quindi dobbiamo rimanere concentrati e lavorare duramente per tutto il weekend. Andremo in Tailandia con la stessa mentalità, il mio feeling con la moto è buono e quindi cercherò di sfruttarlo anche là. La Panigale V4 R è una moto completamente nuova, il potenziale è alto, ma abbiamo ancora tanto lavoro da fare per sfruttarlo al 100%. Non so se Buriram sia una pista favorevole a Ducati, lo scopriremo presto”.

Chaz Davies, riparte dalla vittoria di un anno fa

Il gallese in Austalia è stato l’ombra del pilota aggressivo e veloce che conosciamo, ma a Buriram un anno fa fece terzo e poi vinse gara 2. E’ il terreno ideale per tentare il rilancio. “Qui avremo probabilmente avremo una base migliore e molti più dati su cui lavorare” confida Chaz Davies. “L’adattamento e il feeling con la moto sono migliori rispetto alla gara di apertura a Phillip Island, questo mi rende fiducioso e positivo. Lo scorso anno abbiamo ottenuto una vittoria e un terzo posto, due risultati di prestigio che ci saranno utili per iniziare il weekend nella giusta direzione. Non vedo l’ora di scendere in pista con la consapevolezza di poter migliorare le mie prestazioni cercando di sfruttare tutte le informazioni raccolte fino ad oggi”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Superbike: Leon Camier, prove di rientro ad Aragon

Supersport 300: Presentato il Kawasaki GP Project

Superbike: Thitipong Warokorn, 6 vertebre rotte ma è già in piedi