Superstock 600: VD Mark Vs Russo per il titolo 2012

Gran finale a Magny Cours per l'Europeo STK600

4 ottobre 2012 - 1:37

Si sono spartiti quasi equamente le vittorie nelle 9 gare sin qui andate in archivio, scambiandosi più volte la leadership di campionato e dando vita ad accesi confronti risolti (lealmente) spesso e volentieri soltanto al photofinish. Non potevano che esser pertanto Michael van der Mark e Riccardo Russo a contendersi la contendersi la corona europea Superstock 600 targata UEM, Infront Motor Sports e Pirelli, con l’atto conclusivo della stagione 2012 in programma questo fine settimana sul tracciato transalpino di Magny-Cours, decimo evento del calendario continentale con l’unica gara in programma nel weekend sabato 6 ottobre alle 18:00. Separati da soli 7 punti nella classifica di campionato, i duellanti al titolo si preparano ad affrontare l’evento più importante della loro giovane carriera, ma con la consapevolezza di rientrare tra gli attesi protagonisti del motociclismo internazionale nel futuro a breve e medio termine. Correrà nel Mondiale Supersport 2013 sotto le insegne del team ufficiale Pata Honda Michael van der Mark, sulla carta il favorito annunciato per la vittoria di gara e titolo in Francia. Sul tracciato dove esordì nella STK600 due anni or sono proprio con il Ten Kate Junior Team, il giovane olandese di scuola 125 GP (ha corso anche nel mondiale con la Lambretta della Engines Engineering) in un biennio è diventato con 9 successi il recordman della categoria: 4 vittorie ed il 3° posto (in corsa per il titolo) lo scorso anno, 5 in questa stagione tra Assen, Misano, Brno, Nurburgring e Portimao mancando l’appuntamento col podio soltanto a Monza.

Un ruolino di marcia impressionante per VD Mark, vincitore a Magny-Cours lo scorso anno e deciso a presentarsi nel Mondiale Supersport con il titolo STK600 in bacheca riportando Honda e Ten Kate sul trono europeo a tre anni di distanza dall’affermazione di Gino Rea del 2009. Conta invece di consegnare al motociclismo tricolore questo alloro che manca dalla prima edizione del 2005 (all’epoca con Claudio Corti in sella alla Yamaha Trasimeno) Riccardo Russo, alfiere del Team Italia della Federazione Motociclistica Italiana, autore di una stagione semplicemente sensazionale con 8 podi in 9 gare disputate comprensivi delle vittorie di Imola, Monza, Aragon e Silverstone, salvo vedersi costretto ad inseguire a 7 lunghezze dal rivale. Il talentuoso pilota campano prodotto del “vivaio” Yamaha R6 Cup sarà dunque obbligato a vincere e sperare in un mezzo passo-falso dell’olandese, una situazione che più volte quest’anno lo ha visto uscir fuori a testa alta mettendo in mostra quel talento che ha richiamato le attenzioni addirittura di squadre del Motomondiale. Insomma, sarà un duello avvincente con la concreta chance a Magny-Cours di vedere altri giovani talenti under-24 rientrare nella corsa alla vittoria, pur senza oggettive ambizioni di classifica. Questo il caso del belga Gauthier Duwelz, quasi matematicamente certo di concluder il 2012 al terzo posto nella generale a precedere il proprio compagno di squadra al MTM Racing Team Adrian Nestorovic, tra le note positive di quest’ultimo scorcio di campionato.

Se per il motociclismo tricolore sarà Russo il pilota più atteso, non mancheranno al via altri protagonisti della STK600 decisi a chiuder in bellezza la stagione continentale 2012: da Luca Vitali (Team Italia FMI, 5° in campionato), al poleman di Misano nonchè protagonista del CIV Franco Morbidelli (7°, in evidenza tra Nurburgring e Portimao con la R6 del Bike Service Racing Team) senza scordarci di Christian Gamarino (Kawasaki Team Go Eleven, podio a Misano e velocissimo in prova) più Riccardo Cecchini (nella top-10 da quando ha lasciato la Triumph Daytona 675 per una più competitiva Honda CBR 600RR), Francesco Cocco (passato al Team Trasimeno da Portimao), Luca Salvadori (Team PATA by Martini) ed una wild card d’eccezione come il giovanissimo Alessandro Nocco, rivelazione del CIV quest’anno con la Kawasaki del Team Velocisti tanto da conquistare la vittoria al Mugello alla sua prima stagione nella serie tricolore. Nocco non sarà l’unica novità di un weekend dove, per volontà di UEM e Pirelli, sono stati invitati i principali protagonisti delle serie nazionali Superstock 600. Dal Regno Unito tornerà in pista Lee Jackson (in corsa addirittura per la vittoria a Silverstone da wild card con la Kawasaki del Chris Walker Race School) più Alexander Olsen (Triumph Team HARIBO Starmix), dall’Austria (o meglio, dall’IDM Supersport) Marco Nekvasil (GERIN-SKM Racing Team), dalla Svizzera Philippe von Gunten (Raschle Racing Team) e Jeremy Ayer (Team B.S.R.), dal CEV correrà con il Team Go Eleven Francisco Javier Alviz Gomez.

All’appello anche un plotoncino di wild card locali come Kevin Szalai (Team 4 You), Morgan Berchet (Plamet Motor Racing), Hugo Clere e Anthony Dumont (SL Moteur), Thibaut Gourin (Technic Racing) ed il ritorno di Stephane Egea, appiedato a stagione in corso per difficoltà economiche del Team Falcone Competition, nuovamente al via questa volta con il Garnier Racing Team nella speranza di ripetere la fenomenale gara del 2010 quando rientrò nella corsa per la vittoria. Una tematica d’interesse in più per l’atto conclusivo dell’ottava stagione dell’Europeo Superstock 600 dove, purtroppo, mancherà il rumeno Mircea Vrajitoru, sfortunato protagonista di un drammatico incidente a Portimao: giudicato fuori pericolo, le sue condizioni sono state ritenute “stabili” dai medici ed ha iniziato a respirare autonomamente dopo esser stato indotto in coma farmacologico all’Ospedale di Faro per la brutta botta alla testa e conseguente trauma celebrale. Forza Mircea! Superstock 600 European Championship 2012 La Classifica di Campionato 01- Michael van der Mark – EAB Ten Kate Junior Team – Honda CBR 600RR – 194 02- Riccardo Russo – Team Italia FMI – Yamaha YZF R6 – 187 03- Gauthier Duwelz – Team MTM Racing – Yamaha YZF R6 – 91 04- Adrian Nestorovic – Team MTM Racing – Yamaha YZF R6 – 74 05- Luca Vitali – Team Italia FMI – Yamaha YZF R6 – 66 06- Alex Schacht – Schacht Racing SBK ONE – Honda CBR 600RR – 65 07- Franco Morbidelli – Bike Service Racing Team – Yamaha YZF R6 – 63 08- Nacho Calero Perez – Team Trasimeno – Yamaha YZF R6 – 59 09- Christian Gamarino – Team Go Eleven – Kawasaki ZX-6R – 58 10- Bastien Chesaux – EAB Ten Kate Junior Team – Honda CBR 600RR – 50 11- Francesco Cocco – Team Trasimeno – Yamaha YZF R6 – 36 12- Sebastien Suchet – Team B.S.R. – Honda CBR 600RR – 28 13- Christophe Ponsson – MRS Racing – Kawasaki ZX-6R – 26 14- Stephane Egea – Team Falcone Competition – Yamaha YZF R6 – 24 15- Tony Covena – Team Go Eleven – Kawasaki ZX-6R – 23 16- Matt Davies – Racedays – Kawasaki ZX-6R – 21 17- Riccardo Cecchini – FRT – Honda CBR 600RR – 20 18- Robin Mulhauser – RivaMoto Junior Team – Yamaha YZF R6 – 17 19- Lee Jackson – Chris Walker Race School – Kawasaki ZX-6R – 16 20- Nicola Morrentino – Elle2 Ciatti – Yamaha YZF R6 – 15 21- Stefano Casalotti – Team Riviera – Yamaha YZF R6 – 15 22- Marvin Fritz – Racedays – Kawasaki ZX-6R – 12 23- Corey Snowsill – Team Go Eleven – Kawasaki ZX-6R – 11 24- Mike Jones – MTM Racing Team – Yamaha YZF R6 – 10 25- Filippo Benini – G.A.S. Racing Team – Yamaha YZF R6 – 10 26- Federico Monti – Boselli Races – Suzuki GSX-R 600 – 9 27- Marco Nekvasil – GERIN-SKM Racing Team – Yamaha YZF R6 – 8 28- Wayne Tessels – SWRT powered by Hoegee Suzuki – Suzuki GSX-R 600 – 8 29- Mircea Vrajitoru – CSM Bucharest – Yamaha YZF R6 – 8 30- Ferruccio Lamborghini – EAB Ten Kate Junior Team – Honda CBR 600RR – 7 31- Mathieu Marchal – Garnier Racing Team – Yamaha YZF R6 – 6 32- Richard De Tournay – FP Racing – Kawasaki ZX-6R – 6 33- Tedy Basic – Bike e Motor Racing Team – Yamaha YZF R6 – 5 34- Luca Salvadori – Team PATA by Martini – Yamaha YZF R6 – 5 35- Koen Zeelen – Benjan Racing – Honda CBR 600RR – 4 36- Jake Lewis – Racedays – Kawasaki ZX-6R – 1 37- Roberto Mercandelli – RCGM Team – Yamaha YZF R6 – 1 38- Tomas Krajci – TK Racing Slovakia – Yamaha YZF R6 – 1 Servizio Fotografico: Diego De Col

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Superbike: L’arrivo di Ten Kate farà saltare il banco in Yamaha?

Eugene Laverty: “Bitubo è il nostro asso nella manica”

MotoGP: Danilo Petrucci lavora sull’ergonomia, ma la sella ‘scotta’