Superstock 1000: l’Italia che vince della FIM Cup

A Monza avvicinato un record per una stagione da primato

23 maggio 2011 - 22:58

La Superstock 1000 FIM Cup è un feudo italiano. La tradizione positiva dei nostri portabandiera nella categoria under-26 è stata confermata anche in questo primo scorcio della stagione 2011, con i successi di Davide Giugliano (Ducati Althea Racing) e Lorenzo Zanetti (BMW Motorrad Italia) tra Assen e Monza, ma anche da una classifica che propone 8 italiani nella top-10.

In particolare l’ordine d’arrivo di Monza ha presentato cinque italiani nella top-5: oltre ai già citati Lorenzo Zanetti e Davide Giugliano, hanno ben figurato Michele Magnoni (wild card con la BMW del Baru Racing Team, Danilo Petrucci (2° in campionato con la Ducati del Barni Racing Team vestita dei colori del Team Italia FMI) ed il campione italiano Stock 600 in carica Fabio Massei (BMW Piellemoto).

Con questa prestazione è stato avvicinato il primato dello scorso anno a Brno, quando ben 6 nostri portabandiera conclusero nelle prime sei posizioni (Badovini, Zanetti, Antonelli, Beretta, Baroni, Magnoni) come non succedeva addirittura da Misano 2002 (nell’ordine Gianluca Vizziello vincitore davanti a Vittorio Iannuzzo, Lorenzo Alfonsi, Ilario Dionisi, Alessandro Brannetti e Walter Tortoroglio).

A Misano, prossimo appuntamento in calendario il 12 giugno, inevitabilmente ci sarà la possibilità di eguagliare, se non migliorare, questo record nella storia di una Superstock 1000 FIM Cup che parla italiano.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP 2022-2026: i 4 punti Dorna per il futuro

BSB Donington Prove 2: Keith Farmer (BMW) davanti alle Ducati

Moto2: Somkiat Chantra operato, al Mugello c’è Teppei Nagoe