Supersport Misano Prove Libere 1: Sofuoglu inizia bene

Laverty segue a ruota, bene Pirro e Tamburini

25 giugno 2010 - 11:06

Il primo turno di prove libere per la categoria Supersport è terminato con un predominio Honda, e con un Kenan Sufuoglu più in palla che mai: suo il miglior crono di 1’40.621, che detta il passo degli avversari. Il turco iridato 2007 ha preceduto il diretto sfidante per il titolo Eugene Laverty, il quale in sella alla CBR 600RR Parkalgar ha subito un gap di 199 millesimi di secondo, sedici in meno del terzo classificato Michele Pirro, con la seconda Honda Ten Kate. A giudicare da questa prima sessione, pare che le due giornate di test effettuate dal team di Nieuwleusen sul circuito di Assen due settimane fa abbia portato i risultati sperati.

Il primo dei piloti “non Honda” sul circuito di Misano è il sorprendente 19enne Roberto Tamburini, che partecipa a questo week-end come wild card, lui che corre con il team Bike Service Racing nel Campionato Italiano Velocità. Quinto è l’inglese Gino Rea su un’altra Honda, quella della squadra Intermoto Czech, davanti allo spagnolo Joan Lascorz sulla ZX-6R della compagine Provec Motocard.com.

Ad ulteriore riprova dell’ottima competitività delle 600cc dell’ala dorata sul tracciato romagnolo è il settimo posto di Robbin Harms, alfiere del team Harms Benjan Racing, seguito dal pilota di casa Massimo Roccoli con la seconda Honda Intermoto e dal transalpino Fabien Foret, pilota Kawasaki Lorenzini by Leoni.

Inizio di week-end non semplice per il team ParkinGO BE-1, con il terzetto composto in ordine da David Salom, Chaz Davies e Matthieu Lagrive che occupano rispettivamente la undicesima, dodicesima e tredicesima posizione. I piloti della tre cilindri britannica hanno terminato dietro al secondo pilota Parkalgar Racing, il portoghese Miguel Praia, che ha concluso decimo. Da segnalare una caduta per la rientrante Paola Cazzola, ora con il team Yamaha Wild Boar, che fa meglio di colei che ha preso il suo posto nel team Kuja Racing, ovverosia la ceca Nikolett Kovacs, ultima con dieci secondi di ritardo.

Supersport World Championship 2010
Misano Adriatico, Classifica Prove Libere 1

01- Kenan Sofuoglu – HANNspree Ten Kate Honda – Honda CBR 600RR – 1’40.621
02- Eugene Laverty – Parkalgar Honda – Honda CBR 600RR – + 0.199
03- Michele Pirro – HANNspree Ten Kate Honda – Honda CBR 600RR – + 0.215
04- Roberto Tamburini – Bike Service Racing Team – Yamaha YZF R6 – + 0.927
05- Gino Rea – Intermoto Czech – Honda CBR 600RR – + 1.563
06- Joan Lascorz – Kawasaki Provec Motocard.com – Kawasaki ZX-6R – + 1.653
07- Robbin Harms – Harms Benjan Racing – Honda CBR 600RR – + 1.660
08- Massimo Roccoli – Intermoto Czech – Honda CBR 600RR – + 1.826
09- Fabien Foret – Lorenzini by Leoni – Kawasaki ZX-6R – + 1.901
10- Miguel Praia – Parkalgar Honda – Honda CBR 600RR – + 1.906
11- David Salom – ParkinGO BE1 Triumph – Triumph Daytona 675 – + 2.027
12- Chaz Davies – ParkinGO Triumph BE1 – Triumph Daytona 675 – + 2.080
13- Matthieu Lagrive – ParkinGO Triumph BE1 – Triumph Daytona 675 – + 2.208
14- Alexander Lundh – Cresto Guide Racing Team – Honda CBR 600RR – + 2.986
15- Alessandro Torcolacci – Team Civita Racing – Triumph Daytona 675 – + 3.680
16- Alessio Palumbo – Puccetti Racing Kawasaki Italia – Kawasaki ZX-6R – + 3.833
17- Vittorio Iannuzzo – ParkinGO BE1 Triumph – Triumph Daytona 675 – + 3.892
18- Danilo Dell’Omo – Kuja Racing – Honda CBR 600RR – + 4.005
19- Bastien Chesaux – Harms Benjan Racing – Honda CBR 600RR – + 4.063
20- Iuri Vigilucci – Vigi Racing Team – Yamaha YZF R6 – + 5.200
21- Fabio Menghi – VFT Racing – Yamaha YZF R6 – + 5.382
22- Eduard Blokhin – Rivamoto – Yamaha YZF R6 – + 6.585
23- Paola Cazzola – Wild Boar Team – Yamaha YZF R6 – + 8.033
24- Imre Toth – Team Toth – Honda CBR 600RR – + 9.149
25- Nikolett Kovacs – Kuja Racing – Honda CBR 600RR – + 10.763

Valerio Piccini

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Superbike: Alvaro Bautista scopre Imola “La pioggia? Non ho paura”

MotoGP: Aprilia con lo spoiler già a Jerez?

CIV Superbike: Michele Pirro-Ducati V4R, chi li batte al Mugello?