Supersport Jerez Prove 2: van der Mark e Zanetti al top

1-2 Pata Honda nella FP2 a Jerez, Roberto Rolfo è quinto

5 settembre 2014 - 10:56

Deciso a giocarsi questo fine settimana il primo ‘match point’ mondiale, Michael van der Mark resta il riferimento del Mondiale Supersport a Jerez de la Frontera. Con una vittoria in più (la seconda di fila) alla 8 ore di Suzuka in bacheca conseguita nella pausa estiva, il talentuoso pilota olandese con la prima Honda CBR 600RR Ten Kate in 1’45″173 ha staccato il miglior riferimento cronometrico anche nella seconda sessione di prove libere seppur distante dall’1’44″344 conseguito nella mattinata. ‘Magic Michael’ inizia al meglio un weekend che potrebbe risultare decisivo ai fini-campionato, si può dire lo stesso per tutto il Pata Honda World Supersport Team che concretizza un significativo 1-2 grazie al nostro Lorenzo Zanetti, secondo a 131 millesimi dal proprio compagno di squadra e con un passo-gara da rimarcare in vista di domenica.

Il tricolore svetta in Andalusia non soltanto con il pilota bresciano, ma anche con Roberto Rolfo, quinto con la Kawasaki Go Eleven e preceduto dal primo inseguitore di van der Mark in classifica Jules Cluzel (in risalita dopo una FP1 da dimenticare, terzo con la prima MV Agusta F3 675 ufficiale) più PJ Jacobsen, quarto a dispetto del proprio compagno di squadra in Kawasaki Intermoto Florian Marino, scivolato subito all’inizio della FP2 ritrovandosi nono in graduatoria. Nel lotto dei protagonista non mancano Jack Kennedy (6°), Kev Coghlan (7°) e Kenan Sofuoglu, ottavo dopo il secondo crono nella mattinata all’esordio da portacolori San Carlo Puccetti Racing, ma con soltanto 2/10 di margine rispetto ai nuovi compagni di squadra Alessandro Nocco e Roberto Tamburini, rispettivamente 10° e 13°.

OK dopo la scivolata della FP1 Raffaele De Rosa è 12°, Massimo Roccoli (MV Agusta) 15°, la coppia del Team Lorini formata da Marco Bussolotti e Luca Marconi chiude in 17° e 18° posizione con Christian Gamarino 20° e Fabio Menghi 21°.

Supersport World Championship 2014
Circuito de Jerez, Classifica Prove Libere 2

01- Michael van der Mark – Pata Honda World Supersport Team – Honda CBR 600RR – 1’45.173
02- Lorenzo Zanetti – Pata Honda World Supersport Team – Honda CBR 600RR – + 0.131
03- Jules Cluzel – MV Agusta Reparto Corse – MV Agusta F3 675 – + 0.278
04- PJ Jacobsen – Kawasaki Intermoto Ponyexpres – Kawasaki ZX-6R – + 0.467
05- Roberto Rolfo – Team Go Eleven – Kawasaki ZX-6R – + 0.501
06- Jack Kennedy – CIA Insurance Honda – Honda CBR 600RR – + 0.547
07- Kev Coghlan – DMC Panavto Yamaha – Yamaha YZF R6 – + 0.555
08- Kenan Sofuoglu – San Carlo Puccetti Racing – Kawasaki ZX-6R – + 0.588
09- Florian Marino – Kawasaki Intermoto Ponyexpres – Kawasaki ZX-6R – + 0.613
10- Alessandro Nocco – San Carlo Puccetti Racing – Kawasaki ZX-6R – + 0.756
11- Ratthapark Wilairot – Core PTR Honda – Honda CBR 600RR – + 0.797
12- Raffaele De Rosa – CIA Insurance Honda – Honda CBR 600RR – + 0.905
13- Roberto Tamburini – San Carlo Puccetti Racing – Kawasaki ZX-6R – + 0.932
14- Dominic Schmitter – HAGN-SKM Racing Team – Yamaha YZF R6 – + 1.246
15- Massimo Roccoli – MV Agusta Reparto Corse – MV Agusta F3 675 – + 1.248
16- Vladimir Leonov – Rivamoto – Honda CBR 600RR – + 1.372
17- Marco Bussolotti – Team Lorini – Honda CBR 600RR – + 1.461
18- Luca Marconi – Team Lorini – Honda CBR 600RR – + 1.491
19- Ferran Casas – Team Torrento – Yamaha YZF R6 – + 1.529
20- Christian Gamarino – Team Go Eleven – Kawasaki ZX-6R – + 2.128
21- Fabio Menghi – VFT Racing – Yamaha YZF R6 – + 2.204
22- Valentin Debise – Com Plus SMS Racing – Honda CBR 600RR – + 2.616
23- Nacho Calero Perez – CIA Insurance Honda – Honda CBR 600RR – + 3.550
24- Alexey Ivanov – DMC Panavto Yamaha – Yamaha YZF R6 – + 3.933
25- Matt Davies – AARK Racing – Honda CBR 600RR – + 4.848
26- Tony Covena – Kawasaki Intermoto Ponyexpres – Kawasaki ZX-6R – + 4.948

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Superbike: Alvaro Bautista scopre Imola “La pioggia? Non ho paura”

MotoGP: Aprilia con lo spoiler già a Jerez?

CIV Superbike: Michele Pirro-Ducati V4R, chi li batte al Mugello?