Supersport: il duello a Imola tra Sofuoglu e Laverty

Reciproche accuse per un duello fantastico al Santerno

28 settembre 2010 - 2:52

Questa è la Supersport! I due migliori interpreti della categoria in un duello che ha reso incandescente il primo pomeriggio a Imola: Kenan Sofuoglu contro Eugene Laverty, in palio vittoria e, soprattutto, 25 punti utili per la classifica di campionato. Undici sorpassi e controsorpassi, uno soltanto che non è riuscito: l’ultimo di Laverty a pochi metri dal traguardo, dove è volato a terra coinvolgendo Sofuoglu. Ripartiti, il pilota turco ha concluso 2° alle spalle di Michele Pirro transitato in quel momento, mentre il vice-campione del mondo in carica si è ritrovato 3° passando adesso a 16 punti di svantaggio verso l’ultima prova stagionale di Magny Cours.

Ci si aspettava un confronto anche in parco chiuso tra i due antagonisti, ma per fortuna non si sono guardati lasciando soltanto alle dichiarazioni post-gara il compito di raccontare una corsa fantastica ed il conseguente rocambolesco epilogo. “Sono arrabbiato con me stesso“, ha detto Eugene Laverty. “Per il risultato, per la caduta, ma anche perchè ho avuto un problema al braccio sinistro che non si presentava da tempo. Ho dovuto stringere i denti, ma era difficile farlo quando ti ritrovi a lottare con Sofuoglu. Mi ha messo pressione e all’ultima curva ho provato a passarlo, ma ho perso l’anteriore e ci siamo toccati. A Magny Cours devo vincere, poi vediamo cosa succede“.

Kenan Sofuoglu ha logicamente parlato dell’errore di Laverty che ha rischiato di fargli perdere punti e leadership in classifica, ma per sua fortuna la Honda CBR 600RR è ripartita in tempo giusto per chiudere in seconda posizione.

Prima della gara ero fiducioso, ma sapevo che Laverty era abbastanza veloce per stare con me. Quando ha preso il comando sembrava che il suo obiettivo fosse quello di rallentarmi. Il suo attacco finale era davvero troppo al limite: già io avevo allungato la frenata, figuriamoci lui. Volevo vincere, ma sono stato fortunato a ripartire: adesso ho 16 punti di vantaggio ed è l’aspetto più positivo di tutti“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP: Suzuki al lavoro su un telaio modificato

Superbike Misano: Alvaro Bautista “La caduta è già dimenticata”

Superbike Misano: Lorenzo Zanetti sulla Ducati Go Eleven